Garavaglia assolto dall'accusa di turbativa d'asta: «Non ha commesso il fatto»

Mercoledì 17 Luglio 2019
1
Garavaglia assolto dall'accusa di turbativa d'asta: «Non ha commesso il fatto»

Il viceministro leghista dell'Economia Massimo Garavaglia accusato di turbativa d'asta, in qualità di ex assessore lombardo all'Economia, è stato assolti dai giudici della quarta sezione penale del tribunale di Milano «per non aver commesso il fatto». Il processo si riferiva a una gara da 11 milioni di euro del 2014 per il servizio di trasporto di persone dializzate. Il pm Giovanni Polizzi aveva chiesto una condanna a due anni. La sentenza arriva dopo quasi 5 ore di camera di consiglio.

Fondi russi, Gdf a casa di Vannucci. L'ex bancario sotto la lente della procura insieme a Meranda

La condanna più severa a 5 anni e 6 mesi è per l'ex vicepresidente della Regione Lombardia Mario Mantovani, accusato di turbativa d'asta, corruzione e concussione, per il quale il pm aveva chiesto 7 anni anni e 6 mesi di carcere. Per lui, presente in prima fila in aula ma uscito senza rilasciare alcuna dichiarazione, scatta anche l'interdizione per 5 anni dai pubblici uffici.  L'ex assessore lombardo ed ex sindaco, per l'accusa era «a capo» di un «sistema di favori» e gestiva un «groviglio di interessi pubblici e privati che si concentrava nella sua figura, un sistema gestito anche dal suo entourage e dalle sue persone di fiducia».  Tre le assoluzioni fra i 12 imputati, compresa quella di Garavaglia che ha anche un peso politico. In caso di condanna i Cinquestelle sembravano intenzionati a chiedergli un passo indietro. Le altre condanne vanno da un minimo di otto mesi fini a 4 anni e 4 mesi.

Ultimo aggiornamento: 18 Luglio, 09:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma