Un disegno di legge per il "Fondo Antonio Megalizzi" per promuovere le radio universitarie

Martedì 19 Novembre 2019 di Francesco Guerrieri
Antonio Megalizzi insieme ad altri colleghi in una delle sue trasferte a Strasburgo per il progetto Europhonica

Un disegno di legge per favorire lo sviluppo e la diffusione delle emittenti radiofoniche universitarie è stato presentato alla Sala Stampa della Camera dei Deputati alla presenza anche  dell’onorevole Alessia Rotta, promotrice dell'iniziativa.

"Così l'Europa ricorderà per sempre i giornalisti Megalizzi e Bartek"
Rovereto, il museo civico ricorda Antonio Megalizzi
Megalizzi, la salma a Ciampino: l'ordine dei giornalisti lo iscrive

La proposta nasce da RadUni (Associazione Operatori Radiofonici Universitari), e si chiama “Fondo Antonio Megalizzi”, in ricordo del ragazzo rimasto vittima dell’attentato di Strasburgo nel dicembre 2018 insieme all’amico e collega Bartosz Orent-Niedzielski. Due ragazzi che lavoravano giorno e notte con l’obiettivo di un’Europa più unita, per far sì che l’amore e la solidarietà trionfassero sull’odio. Quel maledetto giorno i loro sogni e le loro vite sono stati frantumati da un proiettile.

Per questo RadUni vuole intitolare il fondo alla loro memoria, per dare ad altri giovani l’opportunità di entrare in questo mondo e portare avanti il lavoro di Antonio. La proposta di legge ha l’obiettivo di promuovere laboratori didattici e iniziative universitarie facendo sì che lo studente possa fare esperienza professionale ma allo stesso tempo affinare le proprie competenze relazionali e imparare il concetto di cittadinanza attiva. Un disegno di legge per guardare al futuro, senza dimenticarci del passato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA