Foibe, convegno Anpi in Senato
FdI e FI: no ai negazionismi

Martedì 4 Febbraio 2020
Un' immagine d' archivio dell' ingresso di una foiba scoperta in Friuli nel dopoguerra
E' polemica per il convegno dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia, dal titolo "Il fascismo di confine e il dramma delle foibe", organizzato oggi nella Biblioteca del Senato in vista del 'Giorno del ricordo' (10 febbraio). Per Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, «il convegno rappresenta senza dubbio l'ennesima occasione, dal chiaro intento revisionista, di voler minimizzare o provare a giustificare la violenza contro gli italiani. E' un vero e proprio oltraggio agli esuli istriani e dalmati infoibati vittime dell’odio comunista e, ancor più grave, che il tutto avvenga all’interno di un’Istituzione». «Non è accettabile - continua la Meloni - che ancora ci sia bisogno di rimarcare che le foibe non sono state un dramma ma un crimine i cui colpevoli troppo spesso non hanno pagato. Anpi senza vergogna».

Parla di un convegno «dal chiaro obbiettivo negazionista» anche il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri. «Faccio presente - afferma - che una legge dello Stato ha istituito per il 10 febbraio il Giorno del ricordo dedicato ai martiri delle foibe e alle vittime dell'esodo. Il negazionismo non è, quindi, ammesso. L'Associazione partigiani, se sarà protagonista di atteggiamenti inaccettabili, violerà la legge oltre che la verità della storia. E’ inutile parlare al Senato di Commissioni contro razzismo e violenze verbali se poi tutto ciò passerà sotto silenzio. Personalmente lo farò presente in Aula, perché sarebbe grave da parte di gruppi parlamentari fare da sponda a tesi intollerabili senza assumersene la responsabilità davanti alla pubblica opinione». Ultimo aggiornamento: 16:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi