GIUSEPPE CONTE

Fine vita, Conte: giusta obiezione di coscienza per medici, ho dubbi su diritto alla morte

Venerdì 27 Settembre 2019
2
Fine vita, Conte: giusta l'obiezione di coscienza per i medici

«Dubito esista un diritto alla morte», dice Conte sul fine vita. Ma se questo diritto venisse in qualche modo stabilito, allora per il premier «bisognerebbe riconoscere quantomeno l'obiezione di coscienza, almeno per i medici».

Il senso del limite/ La barriera infranta tra libertà e fede di M.Ajello

Giuseppe Conte interviene «da giurista e da cattolico» sul delicatissimo tema del fine vita e non si tira indietro - pur con la premessa di non voler condizionare il dibattito in corso - mettendo in campo le sue convinzioni «personali». Che sono chiare: «se si stabilisse un diritto alla morte quantomeno ai medici dovrebbe essere garantito il diritto all'obiezione».

Il presidente del Consiglio ha parlato senza reti e a tutto campo questa sera a Ceglie Messapica in una intervista pubblica nella quale ha toccato quasi tutti i nodi del dibattito politico fino a lanciare il Mattarella-bis: «Non spetta a me una decisione su chi andrà al Quirinale, non sono neanche parlamentare, ma posso dire che vorrei una personalità come Mattarella», dotata di «equilibrio, esperienza politica, saggia e anche alla mano. Se Mattarella - ha aggiunto - fosse disponibile a un secondo mandato...» ovviamente avrebbe le qualità elencate. E non poteva essere diversamente visto che Conte oggi si è auto-collocato nel fronte dei «cattolici democratici». 

Fine vita, l'obiezione dei medici: «Non saremo dottor Morte»

Il premier non si è risparmiato neanche sull'economia e ha disegnato il bozzetto della manovra, passando da temi concreti a suggestioni personali come quando ha spiegato che i suoi «sogni nel cassetto» sono tre: «abbassare le tasse a tutti, contrastare definitivamente l'evasione, realizzare un'Italia verde». Ma soprattutto si è mostrato ottimista sulla tenuta del nuovo esecutivo assicurando di fidarsi del Pd, di non temere Renzi e ancora meno Di Battista. «Se non mi fidassi del Pd non avrei cominciato a governare», ha detto sottolineando che oggi «il vento è cambiato» rispetto al governo con la Lega. 

Suicidio assistito, cosa cambia dopo la sentenza della Consulta

Quindi è passato subito dopo a spiegare le sue idee sulla riforma della legge elettorale che sta tornando prepotentemente alla ribalta dopo l'avvio delle procedure per il referendum voluto dalla Lega e promosso dalle regioni guidate dal centrodestra: «io sarei orientato a preferire - ha spiegato - sistemi elettorali in cui quando si vota la sera il giorno dopo si sa chi ha vinto ma l'importante è concepire pesi e contrappesi di qualsiasi sistema: come un maggioritario spinto non funziona, allo stesso modo un proporzionale puro rischia di generare ingovernabilità se non c'è una clausola di sbarramento». Riserbo pieno infine su un solo argomento, la sua vita privata: «la mia compagna è molto riservata. Sulla vita privata siamo custodi di un geloso riserbo».​

Ultimo aggiornamento: 28 Settembre, 11:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma