Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fedez, cos'è il Ddl Zan e perché non è stato ancora approvato

Fedez, cos'è il Ddl Zan e perché non è stato ancora approvato
3 Minuti di Lettura
Domenica 2 Maggio 2021, 15:49 - Ultimo aggiornamento: 3 Maggio, 17:16

L'infuocata polemica sul disegno di legge Zan rischia di far passare in secondo piano i contenuti della stessa proposta e le ragioni delle difficoltà della sua approvazione. Intanto va detto che siamo di fronte a un disegno di legge, cioè a una proposta, che il parlamento deve esaminare e che per diventare legge deve essere apporvata sia dalla Camera che dal Senato.

 

Cos'è il ddl Zan? - Il disegno di legge proposto dal deputato del Pd Alessandro Zan, attivista del movimento Lgbt (la sigla che indica la comunità Lesbica, Gay, Bisessuale e Transgender) e omosessuale, ha l'obiettivo di combattere ogni tipo di discriminazione. L'omotransfobia, dunque, ma non solo. Il titolo della legge, trasmesso alla presidenza della Camera il 5 novembre 2020, riporta: "Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità". Non si parla solo di omosessualità e omofobia, quindi, ma si affrontano anche temi come la violenza di genere e la discriminazione nei confronti dei disabili. In sintesi con il ddl Zan si aumentano le pene per chi commette violenza o discriminazione e si propone di avviare iniziative di sensibilizzazione.

Chi è Alessandro Zan - Il deputato  Alessandro Zan, prima ancora di essere il firmatario del disegno di legge contro l'omotransfobia che porta il suo cognome,  è un attivista per i diritti Lgbt. E' noto per aver promosso e ottenuto il primo registro anagrafico italiano delle coppie di fatto aperto anche a quelle omosessuali. Zan ha 48 anni ed è stato presidente della sezione Veneto dell'associazione Arcigay. 

Lo scontro - Il ddl Zan è da sempre al centro di polemiche roventi. L'introduzione del genere femminile fra quello delle "minoranze discriminate" ha fatto vedere a qualcuno un meccanismo di ghettizzazione delle donne. L'opposizione più forte viene però da esponenti del centrodestra, soprattutto della Lega, secondo i quali le tutele attuali per gli omosessuali sono sufficienti.

Perché il ddl Zan non è stato ancora approvato - La Camera ha approvato il 4 novembre 2020 in prima lettura il ddl Zan. Da allora la proposta di legge è ferma alla Commissione Giustizia del Senato a causa anche delle resistenze di Lega e Fratelli d'Italia, sostenuti da alcuni esponenti del mondo cattolico. Il motivo è che questi schieramenti non ritengono necessaria una legge specifica in merito perché considerano sufficiente  modificare la legge Mancino, che punisce i reati e le discriminazioni basate su nazionalità, etnia e credo religioso. Ora sembra che qualcosa si sia finalmente mosso perché il ddl è stato "incardinato" (cioè si è deciso che sarà votatao) nella commissione Giustizia di Palazzo Madama dopo settimane di polemiche, rimpalli pressing e resistenze. Messa ai voti la calendarizzazione, è passata con 13 sì e 11 no. A chiedere l'avvio della discussione sono Pd, M5s, Leu e Italia viva. Contrario il centrodestra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA