Regioni, le 8 sfide del 2020. Anche il Pd: basta patti con i grillini

Mercoledì 30 Ottobre 2019 di Diodato Pirone ed Emilio Pucci
Regioni, le 8 sfide di quest'anno. Anche il Pd: basta patti con i grillini

Andare da soli in Emilia e nelle altre regioni. Evitare di annacquare l'identita' del Pd e di ottenere, alleandosi con il Movimento 5 stelle, un risultato controproducente. Cresce sempre più il malessere in casa dem, soprattutto dopo le parole tranchant di Di Maio. Il segretario del Pd Zingaretti media, dice che «saranno le singole Regioni a scegliere le alleanze», sostiene che in ogni caso andranno verificate le condizioni, che la cosa sbagliata è dire come ha fatto il capo politico pentastellato aprioristicamente no a qualsiasi patto. Tuttavia dall'area orlandiana a Base riformista il pressing è sempre più forte. Di fronte ad un muro pentastellato e ai continui distinguo del ministro degli Esteri meglio dire subito no grazie. «Non e' che andiamo con il piattino in mano Noi in Umbria abbiamo ottenuto il 22 mentre M5S l'8%», dicono al Nazareno.

Ma il vice segretario dem e gli altri big sono ancora piu' netti: se l'alternativa è galleggiare è giusto percorrere una strada autonoma. Insomma «no all'alleanza a tutti i costi». Un big dem la mette così: «M5S frena su tutto, a partire dalle opere infrastrutturali che in Emilia sono urgenti. E allora perchè siglare un matrimonio anche sui territori? Procediamo insieme solo sul percorso di governo». Ieri c'è stata una riunione dell'area orlandiana in cui tra l'altro si è messo in evidenza proprio il tema dell'alleanza con M5S. Con ragionamenti che si differenziano da quelli portati avanti da Franceschini e da chi sostiene la necessità di un asse strutturale con i pentastellati.
Al di là dei giochi di corrente dentro il Pd conterà molto il rapporto con i 5Stelle locali che i singoli candidati regionali vorranno costruire. In Emilia, ad esempio, Stefano Bonaccini, tramite il canale delle liste civiche, è assolutamente favorevole a una intesa con i pentastellati emiliani che però sono divisi al loro interno.

Emilia. La Lega prova il colpo del ko La sinistra resiste
In Emilia la campagna elettorale si giocherà fra il leader della Lega, Matteo Salvini, e l’attuale presidente della Regione, Stefano Bonaccini, del Pd. Tutti gli osservatori danno per certo che dopo Natale Salvini passerà al setaccio tutti i 328 comuni della Regione a sostegno del centro-destra che dovrebbe candidare, ma non c’è ancora certezza, la deputata leghista Lucia Borgonzoni. I 5Stelle sono divisi se allearsi o meno con il centro-sinistra.

Calabria. Nomi lontani Manca l’intesa pure a destra
In Calabria non c’è alcuna certezza sui candidati. La cosa vale per tutti gli schieramenti. Nei giorni sorsi si era parlato di una possibile candidatura unitaria fra Pd e 5Stelle affidata al “re del tonno”, l’imprenditore Pippo Callipo. Ma le elezioni umbre hanno rimesso tutto in gioco. L’attuale presidente del Pd Mario Oliverio potrebbe presentarsi per proprio conto mentre nei 5Stelle resta l’ipotesi di candidare la deputata Dalila Nesci. Nel centro-destra FI rivendica la candidatura alla presidenza ma Lega e FdI si oppongono.

Liguria. Toti cerca il bis Dem e M5S in alto mare
L’unica cosa certa al momento è la ricandidatura per il centro-destra dell’attuale presidente Giovanni Toti da alcuni mesi uscito da Forza Italia per fondare la piccola formazione che si chiama “Cambiamo!”. Sul fronte del centro-sinistra non è stato ancora deciso nulla. Nei mesi scorsi il Pd ha pressato fortemente i 5Stelle con l’obiettivo di individuare una candidatura comune con un profilo civico ma i 5Stelle, dopo l’Umbria, paiono decisi ad presentarsi da soli.

Veneto. Zaia vola Gli avversari già rassegnati
I n Veneto non c’è partita. La ricandidatura (e la vittoria) del leghista Luca Zaia non è neppure una notizia dato che tutti i sondaggi lo danni fra il 60 e il 65% dei consensi. Il centro-sinistra è impegnato da qualche mese nella ricerca di una figura che intenda fare da kamikaze o, meglio, un candidato che si costruisca il suo onesto profilo di sfidante-perdente con Zaia per poi puntare su altri ruoli nazionali. Circola il nome di Stefano Fracasso, attuale capogruppo Pd in Regione. I 5Stelle sembrano intenzionati a presentarsi da soli.

Marche. FdI rivendica lo sfidante di Ceriscioli
N elle Marche, anch’essa regione storicamente governata dal centrosinistra, si va verso una competizione serrata fra centrosinistra e centrodestra. L’attuale presidente Pd della Regione, Luca Ceriscioli, dovrebbe ripresentarsi. Dall’altra parte la candidatura dovrebbe spettare a Fratelli d’Italia. In pole position ci sono il deputato Francesco Acquaroli e l’ex esponente di Forza Italia Guido Castelli.

Toscana. Giochi aperti Giani-Del Debbio duello probabile
In Toscana, storica regione rossa con una componente renziana nel Pd ancora fortissima, il centrosinistra pare puntare su Eugenio Giani attuale presidente del consiglio regionale. Altro possibile candidato potrebbe essere l’assessore alla Sanità Stefania Saccardi. Sull’altro versante politico i giochi sono in corso. La Lega punta su Susanna Ceccardi, eurodeputata. Fratelli d’Italia sta facendo circolare vari nomi fra i quali quello di Paolo Del Debbio, noto presentatore tv delle reti Mediaset. 5Stelle per ora non pervenuti.

Campania. Sotto il Vesuvio per ora c’è solo confusione
A Napoli la situazione è confusa. Il presidente Pd Vincenzo De Luca dovrebbe ripresentarsi ma non è chiaro se tutta la coalizione lo sosterrà. Il presidente ha fatto un tentativo di apertura nei confronti dei 5Stelle che però pare non sia andato a buon fine e mantiene buoni rapporti con i demitiani che da queste parti mantengono un discreto radicamento. Per gli equilibri del centro-destra la candidatura campana dovrebbe spettare a Forza Italia. Si fa il nome di Mara Carfagna. 

Puglia. Si va verso un confronto Emiliano-Fitto
In Puglia due nomi emergono su tutti. Da parte del centro-sinistra c’è l’attuale presidente Michele Emiliano, un Pd sui generis che stava per aderire alla scissione bersaniana e che dopo molte aperture ai 5Stelle nelle ultime ore ha chiuso la porta ai grillini. Nel centro-destra sta emergendo con forza l’ipotesi di Raffaele Fitto, centrista ma ora europarlamentare di Fratelli d’Italia, ex presidente della Regione. I 5Stelle pugliesi, in sofferenza per il caso Ilva e il via libera al gasdotto Tap, non hanno ancora deciso cosa fare. 
 

Ultimo aggiornamento: 11:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA