Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elezioni politiche 2022, Forza Italia: ricandidature in forse per Schifani e Prestigiacomo

Nelle liste il partito di Berlusconi deve fare spazio anche ai centristi

Elezioni politiche 2022, Forza Italia: ricandidature in forse per Schifani e Prestigiacomo
di Fernando Magliaro
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Luglio 2022, 07:49 - Ultimo aggiornamento: 07:51

Il vertice sarà formalmente in casa Lega e per Forza Italia ci saranno Silvio Berlusconi, il coordinatore nazionale degli azzurri, Antonio Tajani, e la responsabile per i rapporti con gli alleati, Licia Ronzulli. Per Forza Italia il problema è sostanzialmente lo stesso della Lega: non farsi fagocitare da Fratelli d'Italia. In più, il partito di Berlusconi ha il problema di rimettersi in piedi dopo la valanga di addii polemici seguiti alla decisione di chiudere con il Governo Draghi. Le uscite in sequenza in pochi giorni di personalità del calibro di Elio Vito, Renato Brunetta, Mariastella Gelmini, Mara Carfagna, Giusy Versace, Andrea Cangini, Roberto Caon, più una serie di personaggi legati al territorio - il che significa anche serbatoi di voti che se ne vanno - rischiano di assestare una specie di colpo di grazia a Forza Italia. A parte Tajani e Maurizio Gasparri, per ora paiono sicuri di una ricandidatura solo i superfedelissimi del Cavaliere, da Marta Fascina a Nicolò Ghedini, da Giorgio Mulè a Giuseppe Moles. Sicuro invece l'addio al Parlamento di Adriano Galliani, probabile quelli di Stefania Prestigiacomo, Renato Schifani, Simone Baldelli, Catia Polidori.

Letizia Moratti: «Aspetto chiarimenti dal centrodestra, poi mi riterrò libera»

Meloni e il centrodestra, FdI non cede agli alleati: dateci il 50% dei collegi


I CENTRISTI


Per altro, se nel vertice di oggi troveranno conferma le prime indiscrezioni trapelate, spetterà a Forza Italia dover anche ospitare fra le proprie file i candidati centristi di Maurizio Lupi e Lorenzo Cesa, cosa che, ovviamente, diminuirà drasticamente i posti disponibili nel prossimo parlamento nella pattuglia degli azzurri. Nel 2018 Forza Italia riuscì a portare in Parlamento una novantina fra deputati e senatori. Con gli attuali sondaggi, il rischio è più che un dimezzamento.

Cassese: «La democrazia non è a rischio, quello che manca al Paese sono politici davvero capaci»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA