Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elezioni, da Chiara Ferragni a Elodie: chi sono gli influencer che possono spostare voti

Le star del web intervengono e mobilitano le loro comunità. «E in estate pesano di più: si guarda meno la tv»

Elezioni, da Chiara Ferragni a Elodie: ecco gli influencer che possono spostare voti
di Lidia Sirna
4 Minuti di Lettura
Martedì 26 Luglio 2022, 00:04 - Ultimo aggiornamento: 19:34

In principio c’era solo la coppia più pop del web: Chiara Ferragni e Fedez. Poi si è capito che l’intrattenimento di massa si era spostato sui social e così gli influencer della politica si sono moltiplicati. Oggi nascono, crescono e poi si schierano. Se i Ferragnez sono diventati la coppia più nota d’Italia, del resto, lo si deve anche - forse - al loro attivismo politico e sociale. Durante la prima ondata della pandemia, tanto per citare un esempio, organizzarono una raccolta fondi per costruire un reparto di terapia intensiva. Gesto che è valso loro il prestigioso Ambrogino d’oro, consegnato direttamente dal sindaco di Milano Beppe Sala. Capita dunque che la più classica delle dinamiche italiane (la caduta di un governo dopo un ultimatum) travalichi i binari della comunicazione tradizionale e paludata.

E anche se Mario Draghi è probabilmente il premier meno social di sempre - non ha Instagram, Facebook, nè Twitter o TikTok - gli influencer che si sono pronunciati sulla fine anticipata di questa legislatura sono numerosi. “É andato in onda un film? Niente raga tranquilli, c’è stato un problema di palinsesti” ha scritto sui suoi account Instagram Camihawke, giovane influencer e youtuber da oltre 1 milione di follower. “Un particolare ringraziamento a Matteo Salvini. La politica dovrebbe essere lo strumento per amministrare bene un paese e non un balletto ridicolo di giochi di potere”: a parlare, sempre tramite un paio di storie su Instagram, è Cristina Fogazzi, in arte Estetista Cinica, influencer e imprenditrice cosmetica da 60 milioni di euro. Chi per primo ha capito che valeva la pena farsela amica è stato il leader di Azione, Carlo Calenda, che durante la scorsa campagna elettorale per le amministrative romane si è fatto intervistare da Fogazzi in diretta su Instagram (non Rai 1). Ma nel dibattito politico sui social non mancano neppure quei musicisti che sono pure influencer. Negli ultimi giorni è stato il turno di Elodie, cantante da quasi 3 milioni di follower e madrina del Pride 2022. Sul suo account Instagram l’artista ha pubblicato alcuni punti della campagna elettorale di Giorgia Meloni accompagnati solo da un serafico: «A me sinceramente fa paura».

Migliaia i commenti. Una gatta da pelare per lo staff della comunicazione dell’aspirante premier. Così mentre è già iniziata la contro campagna elettorale degli influencer, i leader di partito provano a padroneggiare i social in una tornata politica il cui esito si giocherà sotto l’ombrellone (e quindi addio, forse, ai talk show). «Sarà una campagna più digitale e difficile rispetto al passato perché le persone saranno impegnate e allo stesso tempo i partiti dovranno fare a meno degli strumenti tradizionali come la televisione o i comizi», dice Francesco Nicodemo, esperto di comunicazione già consigliere di Renzi. «L’elemento nuovo è che gli influencer potrebbero ridurre l’astensione spingendo l’elettorato alla mobilitazione, non tanto per un determinato partito, ma in favore di specifiche campagne sociali. Pesa anche il fatto che i diciottenni potranno votare per la prima volta in Senato. Se qualche leader saprà cogliere i temi determinanti, potrebbe trarne un significativo vantaggio elettorale».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA