Comunali, ecco i candidati del centrodestra a Milano e Napoli: sostegno a Bernardo e Maresca

Comunali, ecco i candidati del centrodestra a Milano e Napoli: sostegno a Bernardo e Maresca
4 Minuti di Lettura
Martedì 6 Luglio 2021, 18:30 - Ultimo aggiornamento: 7 Luglio, 15:26

Il vertice del centrodestra ha indicato Luca Bernardo come candidato sindaco a Milano e Catello Maresca quale candidato sindaco a Napoli. Lo rende noto l'alleanza dopo l'incontro di questo pomeriggio alla Camera. Matteo Salvini, leader della Lega, ha commentato: «Catello Maresca, magistrato anti-camorra, sindaco di Napoli. Luca Bernardo, primario di pediatria al Fatebenefratelli, sindaco di Milano. Una scelta vincente, civica e unitaria, per superare i ritardi, gli errori, i litigi e l'immobilismo di De Magistris e Sala, drammaticamente crollati in fondo alle classifiche di gradimento dei loro cittadini come evidenziato anche dal Sole 24 Ore».

Il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, ha detto: «In bocca al lupo a Luca Bernardo e Catello Maresca. Anche a Milano e Napoli il centrodestra si presenta unito e compatto a sostegno di due candidati che vengono dalla società civile e che hanno scelto di mettere la loro competenza e la loro professionalità al servizio dei milanesi e dei napoletani». 

Video

Maresca: «Contento dell'adesione del centrodestra»

«Sono contento dell'adesione convinta di tutte le forze politiche del centro destra al Progetto Napoli che da settimane vado propugnando in giro per una città sempre più sofferente ma con una grande voglia di riscatto dopo oltre 30 anni di governo di sinistra. E sono felice del fatto che si sia discusso di programmi e non di persone e simboli e ideologie». Lo afferma in una nota Catello Maresca dopo la convergenza sulla sua candidatura a Napoli nel tavolo nazionale del centrodestra.

«Questa concretezza dei leader del centrodestra - spiega il pm in aspettativa - mi dà la convinzione che ora sia davvero possibile cambiare il destino di Napoli da troppo tempo usata dalla sinistra come camera di compensazione e bilanciamento di posizioni di potere romane. Attorno al programma con cui ci occupiamo in maniera seria e qualificata di rigenerazione urbana, di riqualificazione del centro storico, restituzione di Bagnoli ai napoletani, Napoli Est, lavoro, sicurezza, degrado urbano, questione ambientale e altre emergenze storiche da risolvere, potrà nascere entro pochi anni una città nuova. Con il Progetto Napoli, questa città sarà capace di riproporsi sullo scacchiere italiano e internazionale come capitale culturale ed economica del Mediterraneo, un ruolo che ha sempre recitato in passato e che tornerà a recitare perché il destino di Napoli è quello di ridiventare baricentro del Paese e risorsa primaria per il riscatto del Sud».

«Io - conclude Maresca - ero e resto in pista per amore della mia città, per la terra in cui sono nato, dove vorrei crescessero i miei figli. Sono stanco di eccellenti donne ed uomini di questa terra che si realizzano altrove. Sono stanco del solito racconto criminale di Napoli. Sono stanco dei luoghi comuni e degli stereotipi. Sono stanco di assistere inerme al declino inesorabile di una capitale economica e culturale. Ho servito il Paese nella Giustizia, vorrei poter essere utile anche a far rinascere Napoli. L'avversario da battere è sempre il centrosinistra che ha governato Napoli negli ultimi 35 anni. Quelli che non hanno mosso un dito mentre questa città perdeva credibilità, scadeva in qualità dei servizi e i suoi servizi pubblici diventavano da quarto mondo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA