Ecotassa colpirà solo i Suv. Per le buche di Roma 250 milioni

Lunedì 17 Dicembre 2018 di Andrea Bassi
2
Cambia l’ecotassa. Arrivano i soldi per le buche di Roma. Vengono tagliati di 600 milioni i premi che le imprese versano all’Inail. Il vertice di ieri a Palazzo Chigi ha permesso al Movimento Cinque Stelle e alla Lega di trovare una sintesi su tutti gli emendamenti più spinosi che saranno discussi in Senato con la manovra. Il meccanismo del “bonus-malus”, lo sconto fino a 6 mila euro per chi acquista un’auto non inquinante, rimarrà. Ma il “malus”, ossia la penalizzazione per chi compra un’auto a diesel o benzina, è stato nei fatti disinnescato. Rimarrà solo per le vetture più inquinanti, come i grandi Suv. il Movimento Cinque Stelle, invece, porta a casa un aiuto per la Capitale. La sindaca di Roma avrà a disposizione 50 milioni di euro l’anno per cinque anni, per “tappare” le buche nelle strade e per la cura del verde pubblico. 

L’accordo probabilmente comprenderà anche un’altra proposta di modifica presentata dai senatori grillini a Palazzo Madama. Quella che prevede che per l’esercizio finanziario 2019 siano destinati 55 milioni di euro per la revisione progettuale del completamento della linea C della metropolitana di Roma e per l’acquisto di materiale rotabile relativo alla stessa linea. Altri 90 milioni di euro dovrebbero essere destinati per interventi di manutenzione straordinaria per le linee A e B della stessa metropolitana. 

CAPITOLO AD ALTA TENSIONE
Altro capitolo ad alta tensione risolto, è quello del taglio alle pensioni alte. In questo caso il compromesso prevede che l’ammontare della riduzione possa arrivare fino al 40% per quelle che superano i 500 mila euro l’anno. Ma la Lega ha ottenuto che il taglio agisca solo sulla parte dell’assegno non coperta da contributi effettivamente versati. Significa che, anche nel caso di pensioni di ammontare molto cospicuo, la sforbiciata potrebbe essere pari a zero nel caso in cui l’assegno corrispondesse ai versamenti all’Inps effettuati. 

I risparmi, circa 150 milioni di euro, serviranno a finanziare la conferma anche per il prossimo anno di Opzione donna, lo scivolo previdenziale che permette di lasciare il lavoro a 58 anni con 35 di contributi alle lavoratrici che accettano di vedersi ricalcolato l’importo della pensione interamente con il metodo contributivo. Il via libera del governo, è arrivato anche per la riduzione delle tariffe Inail e per il pagamento dei debiti della Pubblica amministrazione nei confronti delle aziende. Sale, poi, da 40 a 200.000 euro, la soglia per gli appalti diretti per i sindaci. Niente più, invece, bonus cultura per i concerti e i cinema. Il bonus, si apprende da fonti di governo, a contributo invariato sarà finanziato solo per l’acquisto di ebook e libri. In nottata infine, si era ancora alla ricerca di una intesa sull’applicazione della direttiva Bolkenstein agli stabilimenti balneari.  Ultimo aggiornamento: 08:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma