«Volete il condizionatore acceso o la pace?»: l'86,6% degli italiani disposto a ridurre i consumi. E più di uno su due dice: torniamo al nucleare. Il sondaggio

Ecco il sondaggio Ispi/Ipsos dietro le parole di Draghi

Draghi e la domanda sul condizionatore, dal taglio consumi al nucleare: la posizione degli italiani sull'energia
3 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Aprile 2022, 10:14 - Ultimo aggiornamento: 11:51

«Preferiamo la pace o il condizionatore acceso?». La domanda del premier italiano Mario Draghi posta ieri in conferenza stampa, riporta l'attenzione sulla questione centrale nel dibattito pubblico sulla guerra: a cosa siamo disposti a rinunciare per aiutare il popolo ucraino? Perché la pace, ormai è chiaro, ha un costo. Secondo un sondaggio dell'Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale) realizzato da Ipsos, quasi nove italiani su dieci sono disposti a ridurre il consumo energetico personale e famigliare, pur di contribuire alle sanzioni contro la Russia

«Si tratta di un numero molto elevato, e in qualche modo sorprendente - si legge -. D’altronde, visto il forte aumento delle bollette di luce e gas, già più che raddoppiate rispetto all’anno scorso, è probabile che alcuni di loro stiano già oggi adottando strategie di riduzione dei consumi». Importante anche la risposta sul nucleare. Più di un italiano su due ha affermato di essere disposto ad accettare che l'Italia torni ad investire sul nucleare. 

 

«Si tratterebbe di un forte cambiamento rispetto solo a gennaio scorso, quando una rilevazione Swg evidenziava come la quota di italiani favorevoli a riconsiderare la possibilità di utilizzare il nucleare fosse ferma al solo 33%», si legge ancora. Quasi sei italiani su dieci (59%) si dice invece disposto ad accettare l’utilizzo di ulteriori centrali a carbone.

Gas russo, il Def: senza l’Italia va in recessione. Governo pronto agli aiuti se c'è lo stop al metano

 

Gli altri sondaggi

Per quanto riguarda l'entrata in guerra della Nato e, di conseguenza, dell'Italia, la risposta più comune è «non dovrebbe intervenire in nessun caso». Per il 60,8% degli intervistati la colpa del conflitto è di Putin, mentre si attestano sul 17% sia quelli che pensano che la colpa sia della Nato, che quelli che non hanno un'opinione in merito. Infine, almeno 7 italiani su 10 temono che l'utilizzo delle bombe atomiche sia una minaccia reale.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA