Lockdown, il presidente del Molise: «Contrario al Dpcm, si muore anche di eccessiva prudenza»

Lockdown, il presidente del Molise: «Contrario al Dpcm, si muore anche di eccessiva prudenza»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 26 Ottobre 2020, 11:39 - Ultimo aggiornamento: 11:56

Cresce il fronte della protesta. «Non condivido le regole previste dal nuovo Dpcm, in particolare quelle che riguardano lo stop per bar e ristoranti alle ore 18 perché vorrei capire quali siano le evidenze scientifiche a sostegno di questo provvedimento. Si muore anche di eccesso di prudenza. Parliamo di attività che hanno investito molto per adeguarsi alle normative anti-contagio. Credo che si dovesse consentire a bar e ristoranti di effettuare il servizio al tavolo fino alle 23». Lo dice il presidente della Regione Molise Donato Toma, a proposito delle nuove misure illustrate ieri dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

È inutile girarci intorno: il Governo doveva consentire di continuare l’attività a chi rispetta le norme di...

Pubblicato da Donato Toma su Domenica 25 ottobre 2020

«Anche la chiusura di palestre e piscine, per non parlare di quella di teatri e cinema, non mi trova d'accordo. Se fossero fonte di contagi andrebbero bloccate queste attività, ma senza le evidenze scientifiche è sbagliato farlo», prosegue Toma. Per quanto riguarda gli spostamenti fra regioni, «la raccomandazione di evitarli se non per motivi di salute e lavoro è giusta. Il divieto imposto dalla singola Regione, invece, oltre che essere di difficile applicazione, sortirebbe solo l'effetto di condannarla», conclude Toma.

Lockdown, da Terni a Catania proteste in piazza contro il Dpcm: «Così moriremo di fame». Sit-in a Milano «ma senza infiltrati»

Dpcm, cinema e teatri chiusi, da Favino a Cuccarini la rabbia vip: «Non siamo solo tempo libero»

Dpcm, l'immunologa Viola: «Decisioni assurde, non avranno impatto sui contagi»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA