DPCM

Covid, Appendino: «Non scaricabarile sui sindaci, troppi Dpcm non aiutano»

Domenica 25 Ottobre 2020

«In questa fase emergenziale i sindaci sono il terminale ultimo dello stato e sono in prima linea come tutti, non ci è stata scaricata addosso tutta la responsabilità, bisogna smettere di stare contro il governo». Lo ha detto la sindaca di Torino, Chiara Appendino ospite del Caffè della domenica di Maria Latella su Radio24. «Penso che in questo momento tutte le istituzioni debbano collaborare, ognuno ha la propria responsabilità. Le Regioni sono più impegnate sulla questione sanitaria, lo Stato deve gestire l'equilibrio tra l'aspetto sanitario e quello economico; stiamo lavorando tutti  h24 per cercare di uscire da questa emergenza», ha aggiunto Appendino.

Nuovo Dpcm: da domani chiusure alle 18, stop palestre e teatri. Scuole, Dad fino a 100% per le superiori

Coprifuoco a Torino, Appendino firma l'ordinanza anti-movida in 3 aree: ecco tutti i divieti


«Il susseguirsi di bozze di Dpcm non aiuta»

Il nuovo dpcm? «Penso che in questo momento ogni istituzione stia facendo il possibile. Devo però ammettere che il susseguirsi di bozze di Dpcm che escono non aiuta», ha sottolineato poi Appendino. «Credo sia normale che in questa fase ci sia una forte dialettica tra governo, regioni e sindaci, rispetto a qualche mese fa i cittadini si aspettano maggior chiarezza sui motivi per cui si sta adottando una certa misura e le chiusure devono essere accompagnate da tutele forti», ritiene il sindaco di Torino.

La politica

Appendino ha poi affrontato il tema politico delle alleanze del M5S. «Sono d'accordo con Luigi Di Maio, bisogna lavorare per alleanze programmatiche, è intorno ai temi che si può costruire un programma politico», ha detto rispondendo alla domanda di Maria Latella su eventuali alleanze con il Pd. «Penso che il Movimento 5 Stelle sia nato per portare al centro del dibattito pubblico dei temi e che debba essere uno strumento per portare avanti le politiche in cui ci riconosciamo», ha aggiunto Appendino. 

«Somiglio a Jacinda Arden? Il paragone mi lusinga»

«Dicono che somiglio a Jacinda Arden? Il paragone mi lusinga, è una grande donna, la stimo e la seguo», l'ultima battuta del sindaco di Torino che ha aggiunto: «Credo che la premier neozelandese stia facendo un buon lavoro, mi onora il paragone ma diciamo che per ora mi concentro su Torino».

© RIPRODUZIONE RISERVATA