Il filosofo Fusaro "turbobocciato" a Gioia Tauro. E su Twitter litiga con Gaia Tortora

Diego Fusaro
2 Minuti di Lettura
Martedì 28 Maggio 2019, 14:34 - Ultimo aggiornamento: 14:37

Diego Fusaro bocciato, anzi "turbobocciato". Il filosofo marxista-sovranista candidato a sindaco di Gioia Tauro, in provincia di Reggio Calabria, teorico e dichiarato nemico del "turbocapitalismo", un termine coniato da lui stesso per definire il capitalismo sfrenato contro cui si batte, non è riuscito a diventare sindaco con la sua lista "Risorgimento meridionale per l'Italia". Non solo. I suoi risultati elettorali sono stati più che miseri, racimolando appena 224 voti dei 10.208 disponibili nel piccolo comune calabrese e arrivando qundi ultimo.

Ma il voto di domenica 26 maggio non è stata l'unica vicenda nevasta di quel giorno per il turbo-filosofo. Fusaro è stato protagonista su Twitter di una litigata furiosa con la giornalista conduttrice di La7. Gaia Tortora, figlia di Enzo Tortora. Oggetto del contendere verbale un brutto fattaccio di cronaca e la possibilità dell'Erasmus, che consente agli studenti di attivare un percorso di studi parallelo all'estero.

Fusaro: «"Cadice, quattro ragazzi campani studenti Erasmus arrestati dopo una rissa: grave un ragazzo spagnolo". L'immagine tragica di ciò che realmente l’Erasmus è: movida, sballo e perdita di tempo. Niente a che vedere con il viaggio di studio e di cultura à la Goethe».

Tortora: Tu non ci fai. Ci sei proprio. Cretino.

Fusaro: Cara signora Tortora, vestale dell'intrattenimento televisivo e delle serenate per lo status quo, le svelo un segreto: abbaiare, ragliare e starnazzare scompostamente non giova ad apparire più intelligenti. Un caro saluto olimpico.

Tortora: Parli di quell intrattenimento dove tu caro preghi continuamente con SMS di essere invitato? [😂] [😂] [😂] Daje Fusa'!

Fusaro: Cara signora Tortora, parlo invero di quell'intrattenimento in cui taluni giornalisti insultano e danno del cretino a chi non la pensa come loro, posto che loro pensino (pensare, in effetti, non è sinonimo di abbaiare e starnazzare). Un caro saluto domenicale.

L'ultima parola, però, spetta a uno dei tanti follower che hanno inondato il profilo di Fusaro con critiche pesanti, ma anche ricordando la definizione di Umberto Eco: «L'Erasmus ha creato la prima generazione di giovani europei. Io la chiamo una rivoluzione sessuale, un giovane catalano incontra una ragazza fiamminga, si innamorano, si sposano, diventano europei come i loro figli». Chapeau.

© RIPRODUZIONE RISERVATA