La provocazione di ActionAid: tutte le coppie possono adottare a distanza. Anche Salvini e Di Maio

Martedì 16 Luglio 2019 di Mario Ajello
​La provocazione di ActionAid: tutte le coppie possono adottare a distanza. Anche Salvini e Di Maio

Salvini e Di Maio adotteranno una bimba senegalese? ActionAid, la onlus che da oltre 40 anni si impegna per la difesa dei diritti in tutto il mondo, ha lanciato una nuova campagna con lo slogan  #ognicoppiapuò. E su un maxi cartellone in piazzale Baiamonti a Milano campeggiano i volti dei due vicepremier e la scritta:  "Affideresti un bimbo o una bimba a una coppia di questo genere? Noi sì". Stamane i rappresentanti di ActionAid si sono presentati alle sedi della Lega a Milano e del Movimento 5 Stelle a Roma per consegnare i moduli di attivazione del sostegno a distanza di coppia da parte dei due leader politici a favore di Thila, una bambina senegalese.

Alla sede della Lega non ci hanno fatto entrare per motivi di sicurezza, per cui abbiamo imbucato il dossier nella cassetta della posta - spiega Raffaella Lebano, vicesegretaria di ActionAid - In un mondo dominato dalle parole e dalle fake news, invitiamo i vicepremier a un gesto concreto e a un'assunzione di responsabilità. Abbiamo già versato noi a loro nome la quota per il primo anno di sostegno a distanza di Thila, ma ci piacerebbe ovviamente che compilassero i documenti e continuassero come coppia". Il duplice obiettivo della onlus è richiamare l'attenzione sul tema del sostegno a distanza - "abbiamo scelto il Senegal perché in quel Paese il 7% dei bambini muore entro il primo anno di vita, con il 75% delle famiglie che vive in povertà cronica" - e su quello della parità dei diritti per tutti i bambini del mondo. Compreso  ovviamente "i cosiddetti bimbi arcobaleno, quelli che secondo le leggi italiane non possono ancora venire riconosciuti come famiglia con i loro genitori". L'invito ad adottare Thila dunque è per la coppia, che ieri non è una coppia, Matteo-Luigi ma se invece Salvini o Di Maio volessero prendere la bimba senegalese con Francesca (Verdini) o con Virginia (Saba), cioè le rispettive  fidanzate, andrebbe bene lo stesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma