Di Maio "offre" le dimissioni. Casaleggio: votiamo sul web

Mercoledì 29 Maggio 2019 di Simone Canettieri
1

L'annuncio questa sera in assemblea per sedare la rivolta dei parlamentari e poi un voto su Rousseau. Per aprire una «cabina di regia» o «di gestione», ma soprattutto per farsi rinnovare la fiducia dagli iscritti che lo scelsero nel settembre 2017. Solo così Luigi Di Maio potrà andare avanti. Un leader ancora in piedi, ma puntellato. Che però, d'ora in poi, dovrà «tornare alle origini». Mettendo in conto che il banco del governo potrebbe saltare. Spunta anche l'ipotesi dell'addio alla Lega. Per il vicepremier si apre una partita complicatissima: da una parte deve guardarsi dal pressing di Matteo Salvini sul governo, dall'altra deve tenere unito il Movimento a rischio implosione.

Di Maio commissariato: «Non me ne vado». Gelo di Grillo e Casaleggio
 

GLI SCHIERAMENTI
Il Capo politico in questo momento può contare sul sostegno «senza se e senza ma» dei ministri e dei sottosegretari, così come su quello dei peones al primo mandato.
Allo stesso tempo, Di Maio è entrato nel mirino dei vecchi saggi del M5S: Nicola Morra, Carla Ruocco, Roberta Lombardi, svariati presidenti di commissione (tra loro Luigi Gallo, area Roberto Fico). Tutti coloro, insomma, che sono arrivati al secondo mandato. Ma soprattutto in queste ore si registra l'attivismo di Davide Casaleggio convinto che la crisi debba passare - o essere lavata - su Rousseau.
Il figlio del fondatore, subito dopo la sconfitta delle Europee, ha iniziato a mandare una serie di messaggi ai parlamentari fidati per chiedere loro, testuale: Ditemi tre principi da cui ripartire. Un sondaggio, spiega chi conosce i modi di fare di Davide, che presto potrebbe approdare sulla piattaforma pentastellata. In modo che gli iscritti dettino l'agenda a Di Maio e a chi lo affiancherà (nella rosa c'è anche Alessandro Di Battista).
Uscirà dalla rete, dunque, la strategia da tenere nei confronti di Salvini: basta rinunce e timidezze come nei primi sette mesi di governo, meglio continuare ad andare all'attacco. Costi che quel costi. Nella peggiore delle ipotesi, ragionano in molti, meglio ritornare al voto come forza strutturata di opposizione che andare avanti con il governo ma in posizione sempre più ininfluente (come hanno raccontato benissimo le ultime elezioni).

I VERTICI
Anche ieri sera Di Maio ha passato ore a ragionare su come poter gestire l'assemblea di questa sera: un problema non da poco. Al suo fianco i ministri Alfonso Bonafede e Riccardo Fraccaro, ma anche i capigruppo, Stefano Patuanelli e Francesco D'Uva.
Il primo pericolo da sminare è che oggi qualcuno si alzi e presenti un documento per mettere su Rousseau la sfiducia a Di Maio come capo politico del M5S. Una voce girata in Transatlantico per tutta la giornata, ma che paga la disorganizzazione delle tante anime critiche. Un arcipelago di dissensi difficili da unire. Dunque gli uomini del Capo stanno pensando - in accordo con Casaleggio - di fare il giro opposto: chiedere agli iscritti di riconfermare i galloni di leader al vicepremier inserendo allo stesso tempo il tema dell'allargamento della segreteria politica.
Di Maio però si sente assediato dai suoi. E l'uscita di Nicola Morra, che arriva dopo l'intervista di Carla Ruocco a Il Messaggero, non fa che confermare l'aria che tira: «Ora servono cinque cavalieri per la cabina di regia». Uomini e donne scelte dagli iscritti su Rousseau. Una soluzione mediana rispetto alla richiesta di dimissioni avanzata su queste colonne dalla presidente della Commissione Finanze nonché ex membro del direttorio.
Non ci sono solo critiche nei confronti di «Luigi». In molti in queste ore contestano l'ingratitudine di chi si scaglia contro di lui, dimenticandosi il «capolavoro» di un anno fa alle politiche. Ecco perché mai come in questo momento Milano diventa centrale per cercare di superare una crisi al buio dal destino ancora incerto. L'attivismo di Casaleggio fa il paio con l'amarezza di Beppe Grillo che però non sembra essere intenzionato a rientrare in gioco come parte attiva. In molti, anzi, ricordano che quest'anno, per la prima volta, il comico non solo non ha presenziato alla chiusura della campagna elettorale, ma non ha nemmeno consegnato alla piazza un videomesaggio. Per Di Maio è una corsa contro il tempo: deve superare il prima possibile la bufera per poi tornare a mettersi seduto con Matteo Salvini, animato dalle migliori intenzioni per mandare avanti un governo a guida Lega.
 

Ultimo aggiornamento: 10:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma