LUIGI DI MAIO

Di Maio e l'inesorabile declino sui social: su Facebook persi 10mila fan in 2 mesi

Domenica 12 Gennaio 2020 di Simone Canettieri

Il pollice è verso. Ma quello di Facebook. A raccontare la crisi della leadership di Luigi Di Maio ci sono, più delle dichiarazioni al vetriolo e i retroscena smentiti il giorno dopo, i dati analitici dei suoi profili social. E cioè il giardino che tutti i politici curano con devozione, con tanto di schiere di addetti e attenzione maniacale al messaggio da inviare. Ma il sentiment della rete è spietato e sembra sempre più somigliare a quello del paese reale.
Nel caso del capo politico del M5S, prodotto sopraffino ed enfant prodige della politica 2.0 inventata dalla Casaleggio e associati, parlano i numeri. O meglio: il segno negativo che li accompagna. Su Facebook, dove conta 2.206.920 di fans ed è secondo in Italia solo dietro a Matteo Salvini, da mesi ormai si trova a che fare con la fuga dei like. Molto banalmente flotte di utenti a cui piaceva e che da settimane hanno deciso di non seguirlo più: da quando è partito il governo giallorosso ha perso 31.071 followers.
Un picco, va detto, che accomuna un po' tutti i big pentastellati (da Beppe Grillo ad Alessandro Di Battista) ma non con dimensioni così vaste, se si fa il rapporto con le persone virtuali che li seguono.

M5S, 35 lettere ai morosi: in otto verso l'espulsione
 

 

IL CALO
Lo scorso dicembre in un mese Di Maio - che praticamente come tutti i leader politici vive su Facebook - ha perso circa 7.600 amici. Discorso simile anche su Instagram, piattaforma in forte espansione che usa per dirette e rimbalzi su Fb, con -1500.
Flussi a dir poco preoccupanti. L' eclissi del suo consenso passa dunque da qui: una diminuzione drastica della «fanbase» e, cosa mai successa prima, delle interazioni. In poche parole sta franando il sistema di mi piace/commenti/condivisioni (chiamato engagement). Addirittura attualmente su 220 profili di politici italiani (con più di 30mila seguaci monitorati su Facebook) è penultimo.
Scorrendo il suo profilo, infatti, sempre più raramente un post di Di Maio riesce a superare i 10mila like. Al contrario, sulla sua bacheca sono sempre di più i commenti negativi. Possibile che sia solo tutta opera della Bestia di Matteo Salvini?

Il paragone con gli altri leader parlano chiaro: crescono (quasi) tutti. Nei mesi di novembre e dicembre, mentre Di Maio perdeva la base su Facebook, il resto dei big della coalizione se la passavano più che bene. Dal premier Giuseppe Conte (+4021) al segretario del Pd Nicola Zingaretti (+1841) fino a Roberto Speranza, capo di Leu (+2337). In controtendenza, insieme al capo dei grillini, risultava (ed è così tuttora) Matteo Renzi, fondatore di Italia Viva (-1.615). Nel centrodestra, invece, arriva la conferma di Giorgia Meloni che continua a crescere a vista di mi piace e seguaci, di pari passo con i sondaggi che danno Fratelli d'Italia in doppia cifra abbondante. Nel periodo preso in esame per i big del governo giallorosso, la presidente di FdI ha staccato tutto allargando la sua base sul social di Zuckerberg con un + 30.302, seguita da Matteo Salvini (+9.225).
Lo scorso mese Di Maio provò una svolta social o, come si disse allora, «un ritorno alle origini»: le dirette-selfie con le risposte in diretta agli utenti. Ma anche questo tentativo è stato abbandonato o comunque molto ridimensionato. Un andazzo pessimo che non è passato inosservato allo staff del titolare della Farnesina. E nemmeno tra tutti coloro che un giorno sì e l'altro pure gli consigliano un passo di lato. Te lo chiede l'Europa? No Facebook.

Ultimo aggiornamento: 08:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA