Def, Gebhard (Svp): «Preoccupa aumento Iva e tasse»

Sabato 20 Aprile 2019
Il logo SVP
«Il governo ha presentato il Def
rinviando l'assunzione di impegni reali alla prossima legge di
bilancio. Il che delegittima il Def e non offre assicurazioni
sulle scelte di finanza pubblica. Sono assenti o incerte tutte
le scelte che dovrebbero esprimere una chiara volontà politica
nel rispetto delle regole europee». È quanto ha affermato
Renate Gebhard, deputata Svp e presidente dei deputati delle
Minoranze Linguistiche, a nome dei suoi colleghi Manfred
Schullian e Albrecht Plangger ed Emanuela Rossini del Patt.
«Il Ministro del Tesoro Tria - ha sostenuto la Gebhard - ha
ribadito ciò che è già scritto nel Def. A legislazione vigente
vi sarà l'aumento dell'Iva e per quel che riguarda possibili
misure alternative non vi è ad oggi alcun orientamento chiaro e
condiviso nella maggioranza. Ciò preoccupa imprese, famiglie che
con un aumento dell'Iva avranno maggiori costi e minore
sostegno. È evidente - ha concluso la Gebhard - che l'obiettivo
di ridurre il carico fiscale per le famiglie così non sarà
realizzabile». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Voti e pagelle, famiglie in tilt: «Ma con 5,78 passi lo stesso?»

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma