Csm, il procuratore Greco: «Sconcertati da logiche romane, non appartengono ai magistrati del Nord»

Mercoledì 19 Giugno 2019
4
Csm, il procuratore Greco: «Sconcertati da logiche romane, non appartengono ai magistrati del Nord»

«Sconcertati dalle logiche romane, non appartiene ai magistrati del Nord». Nel commemorare il procuratore di Bergamo, Walter Mapelli, scomparso l'aprile scorso dopo una lunga malattia, il procuratore capo di Milano, Francesco Greco, ha parlato indirettamente delle logiche con le quali vengono assegnati gli incarichi direttivi nella magistratura.

Caos procure, pg Cassazione chiede sospensione Palamara da funzioni e stipendio

Caos procure, Bonafede: voglio muro invalicabile tra politica e magistrati
 

«È un mondo - ha affermato nel corso del suo intervento a un convegno al Palazzo di Giustizia di Milano - che non ci appartiene, che non appartiene soprattutto ai magistrati del Nord e che vive nei corridoi degli alberghi e nelle retrovie della burocrazia romana». Un mondo che «ci ha lasciato sconcertati e umiliati nelle sue logiche di funzionamento», ha aggiunto Greco.

 

Ultimo aggiornamento: 17:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vita spericolata di una mamma quando i figli sono in vacanza

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma