GOVERNO

Caos Csm, il governo: «Subito la riforma». Bonafede al Quirinale

Venerdì 7 Giugno 2019 di Simone Canettieri

ROMA L'intervento sarà veloce: nel tavolo sulla giustizia del governo gialloverde entra anche la riforma del Consiglio superiore della magistratura. Si inizierà con l'estrazione a sorte di tutti i membri (laici e togati) di Palazzo dei Marescialli. L'inchiesta di questi ultimi giorni, da cui sono emerse le trame per la nomina del nuovo procuratore di Roma, sembra aver accelerato le intenzioni del governo, pronto a inserire il primo segnale di svolta sul Csm all'interno del pacchetto sul nuovo codice penale. Un nodo che l'esecutivo dovrà sciogliere entro l'anno, visto che dal 1° gennaio entrerà in vigore la riforma della prescrizione. Su questo punto concordano Lega e M5S. Il progetto è stato presentato dal Guardasigilli Alfonso Bonafede al presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante un colloquio di 30 minuti al Colle ieri pomeriggio. «Serve una reazione, un piano di riforme, su cui le istituzioni siano compatte», ha detto ministro della Giustizia al Capo dello Stato, esprimendogli anche la sua «preoccupazione» per la bufera che si è abbattuta sulle procure con l'inchiesta per corruzione di Luca Palamara, ex membro del Csm e già numero 1 di Anm.

Sulla stessa linea del Guardasigilli il suo collega dell'Interno Matteo Salvini, che si è detto «sicuro» che anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella «dirà o farà qualcosa» sulla vicenda «visto che è il supremo garante» dell'organo di autogoverno della magistratura. Come si interverrà, però, non è ancora definito. L'idea di base è quella di rivedere, appunto, il sistema elettorale del Consiglio, come tra l'altro già scritto nel contratto di governo. Sarà questo il primo passo, in profondità gli alleati hanno idee diverse. Il ministro della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno, responsabile Giustizia del Carroccio, da sempre spinge affinché siano sciolte le correnti all'interno della magistratura e si proceda con test psico-attitudinali per i magistrati. 
Bonafede ha una posizione diversa e più sfumata. Parla di introdurre criteri «obiettivi e che premino il merito», concetto che compare anche sul blog 5S dove si sottolinea che la vicenda «ha scoperchiato un vaso di Pandora in cui la cosa più evidente è come il merito dei singoli magistrati viene affogato nelle logiche spartitorie politico-correntizie». Di sicuro, sottolinea il ministro, «il diritto dei magistrati di associarsi non può essere messo in discussione» 

L'ITER
Da martedì inizierà a muovere di nuovo i primi passi il tavolo sulla giustizia, bloccato negli ultimi due mesi per via della dialettica a dir poco accesa tra Lega e grillini. Al centro ci sarà soprattutto il processo penale. Al momento però manca l'intesa, ma nulla fa pensare che non ci sarà, vista la tregua tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, entrambi convinti (almeno a parole) di voler portare avanti l'esperienza di governo.
Il caso Csm e in generale la questione giustizia si interseca anche con un'altra polemica di queste ore tra magistrati e Salvini. Di «linciaggio morale» parla la presidente della Corte di Appello di Firenze, Margherita Cassano, prendendo le difese di Luciana Breggia, presidente della sezione specializzata in materia di immigrazione del Tribunale di Firenze, colpevole di non aver accolto un ricorso del Viminale. Ma il ministro tiene il punto: «È doveroso segnalare i giudici che fanno politica». Anche su questo c'è uno scontro a Bonafede, non risulta che «troppi giudici facciano politica». Ma che ci sia «la stragrande maggioranza di magistrati che lavorano ogni giorno e portano avanti la macchina della giustizia con passione e coraggio». Si schiera in qualche modo anche il presidente dell'Anac, Raffaele Cantone: «I giudici che esprimono la propria opinione esercitano un diritto costituzionale». Intanto, i consiglieri del Csm di Area chiedono l'apertura di una pratica a tutela per Breggia e per un'altra toga attaccata dal ministro, Matilde Betti del Tribunale di Bologna. E Salvini finisce nel mirino anche dei procuratori di Prato e Monza, irritati perché il ministro ha anticipato degli arresti ad operazioni di polizia in corso.
 

Ultimo aggiornamento: 13 Giugno, 11:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma