CRISI DI GOVERNO

Manovra e crisi di governo, Tria da Di Maio: l'incubo è l'aumento dell'Iva

Lunedì 19 Agosto 2019
Manovra e crisi di governo, Tria da Di Maio: l'incubo è l'aumento dell'Iva

Trovare il bandolo della matassa della crisi di governo sembra di giorno in giorno sempre più complesso, ma al di là di quali saranno le conseguenze delle comunicazioni di domani di Giuseppe Conte in Senato, il lavoro per la manovra economica 2020 deve andare avanti in una situazione economica nazionale e internazionale non meno ingarbugliata di quella politica. Non a caso il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, al rientro dalla pausa ferragostana, ha già cercato di fare il punto con i suoi interlocutori, a partire da Luigi Di Maio, incontrato a Palazzo Chigi prima della riunione del leader cinquestelle con i suoi.

Crisi, la lunga notte del Governo gialloverde: cresce attesa per intervento di Conte
 

 

Sul tavolo c'è il rallentamento dell'economia in Italia, ma anche in Germania, come certificato oggi dalla Bundesbank. Ci sono i rischi legati alla Brexit e le possibili ripercussioni dei dazi Usa-Cina sul commercio mondiale. Ci sono le annunciate nuove misure espansive della Bce, ma anche il cambio ai vertici delle istituzioni europee, oltre che della stessa banca centrale e del Fondo monetario. E, forse è inutile aggiungerlo, ma il Colle non potrà non tenere conto di questo scenario e delle esigenze dei conti pubblici nelle sue decisioni. Inevitabilmente, qualsiasi sia il governo in carica, tra poco più di un mese, entro il 27 settembre, sul tavolo dovrà arrivare anche la Nota di aggiornamento al Def, entro il 15 ottobre dovrà essere inviato a Bruxelles il Documento programmatico di bilancio ed entro il 20 ottobre dovrà essere presentata in Parlamento la prossima legge di bilancio. Prima ancora, il 6 settembre, bisognerà fare i conti con il giudizio di Moody's.

Fraccaro: «Basta con la bufala di Salvini sulla trattativa fra M5s e Renzi»

Il lavoro per la manovra dovrà quindi essere in qualche modo già preimpostato, per dare almeno un segnale di continuità sul punto su cui nessuna forza politica può permettersi di dissentire: evitare gli aumenti Iva. Il disinnesco delle clausole di salvaguardia rappresenta una conditio sine qua non per qualsiasi coalizione, gialloverde o giallorossa che sia. I governi Pd hanno sempre evitato che le clausole di salvaguardia scattassero, in un delicato equilibrio tra flessibilità e rispetto delle regole di bilancio europee. E nonostante l'ardita propaganda antieuropeista, anche il governo Conte, pur con maggiore drammaticità, ha di fatto trovato per due volte consecutive un compromesso sui conti pubblici con Bruxelles, evitando di portare il deficit oltre i livelli consentiti e di rompere i rapporti con l'Unione. Difficile invece prevedere quale potrebbe essere il destino delle due misure simbolo della manovra 2019. In caso di coalizione Pd-M5S, ad essere sacrificata potrebbe essere 'quota 100', così come l'idea leghista di flat tax. Il reddito di cittadinanza potrebbe invece essere interpretato dai dem come un'evoluzione del Rei e quindi forse salvaguardato.

Zingaretti: «Serve un governo forte, altrimenti è meglio il voto»

Allo stesso tempo potrebbe avere un futuro anche il salario minimo, misura che, seppur con qualche differenza, rappresenta un punto di contatto tra Pd e 5S. In attesa di capire quale sarà l'esito della crisi, restano invece le incognite Alitalia, Autostrade e grandi opere. Il piano per il rilancio della compagnia aerea va presentato entro il 15 settembre, ma le posizioni in campo sono in questo caso profondamente divergenti. Il M5S ha da sempre sponsorizzato l'intervento pubblico accanto a quello di Atlantia, non condiviso invece dall'ex ministro dem Carlo Calenda, favorevole ad una soluzione di mercato. Sulle infrastrutture gli schieramenti sono invece ancora più trasversali: la Tav, così come la Gronda di Genova, sono ritenute opere fondamentali da Pd e Lega, ma viste come il fumo negli occhi dal Movimento. Meno impellente ma non meno complicata resta peraltro la vicenda Mps. Entro dicembre deve essere presentato il piano per l'uscita del Mef dal capitale, un nodo che sicuramente non potrà non generare tensioni a livello politico.

Ultimo aggiornamento: 20 Agosto, 07:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma