COVID

Covid, Sgarbi: «Confinare gli asintomatici positivi è una misura repressiva fascista»

Martedì 6 Ottobre 2020
2
Covid, Sgarbi: «Confinare gli asintomatici positivi è una misura repressiva fascista»

Sempre contro tutto e tutti. «La prevenzione è il nome che si dà alla repressione», ha detto in Aula alla Camera Vittorio Sgarbi dopo le comunicazioni del ministro Roberto Speranza sulla gestione della pandemia da Covid. Secondo Sgarbi le misure di confinamento dei positivi asintomatici è «una misura repressiva fascista». «Abbiamo una Italia ristretta, chiusa, fascista» con misure che «non ci sono in Germania, in Svezia o in Albania». «Perché - si è domandato - non si cercano i malati di Epatite C? Il Covid è una malattia da cui si guarisce. Occorre individuare i rischi reali e prendere misure necessarie, e non indurre nei cittadini paura di andare da soli nel bosco», o obbligare all'uso della mascherina «che è un'assurdità».

Covid, Speranza: «Dati in crescita, niente illusioni. Mascherine anche all'aperto»

Covid, Massimo Giannini positivo: «Attenti, il virus c'è: usiamo tutte le precauzioni»

Cluster di Terracina, vicecapogruppo Lega alla Camera Zicchieri: «Sono positivo»

Covid alla Camera, Lorenzin positiva. Corre la paura: «Ora facciamo tutto su Zoom?»
 

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA