CORONAVIRUS

Coronavirus, Di Maio: «Se ora imprudenti in estate torniamo in lockdown»

Martedì 28 Aprile 2020
video

«Se siamo più prudenti adesso riapriamo bene in estate, se siamo imprudenti adesso in estate torniamo in lockdown. La nostra prudenza è legata al fatto che ci sono ancora dei rischi, dobbiamo fare presto su tutto, aiutare le imprese e i lavoratori che sono in difficoltà ma il 4 maggio riaprono una buona parte delle imprese, 4 milioni di persone vanno a lavorare, è un primo passo importante. Ma attenzione, nessuno aveva parlato del 4 maggio come il liberi tutti». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, a La Vita in Diretta, il programma di Rai1 (visibile su raiplay.it) condotto da Lorella Cuccarini e Alberto Matano.

«Il malato Italia lo stiamo curando, sta meglio ma non è ancora in condizioni di poter uscire totalmente dal lockdown. In queste ore si stanno citando esempi all'estero per dire che dobbiamo fare come gli altri paesi – ha spiegato Di Maio - in queste ore è slittata l'apertura delle scuole in Francia, in Spagna il primo ministro ha detto che il 2 maggio si riapre ma se i dati sono confortanti, in Germania hanno riaperto e l'indice di contagio è salito, il cosiddetto R con 0 è arrivato a 1, quindi sono tornati allo stadio in cui una persona infettata ne può infettare un'altra. Noi siamo più giù del valore 1. Sono vicino a tutti i popoli europei che stanno avendo una grande difficoltà, però ciò che vorrei dire è che se il Presidente del Consiglio non ha ancora dato l'ok per il 4 maggio alla riapertura dei negozi e mercati ma ne ha parlato per il 18 maggio, è perchè abbiamo ancora dei rischi sanitari alti che non ci siamo inventati noi ma ce li certifica la comunità scientifica che abbiamo vicino», ha concluso il ministro. 

Ultimo aggiornamento: 19:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA