Conte convince Salvini e Di Maio: abbiamo i soldi per le riforme

Lunedì 3 Dicembre 2018 di Marco Conti
«Alla fine è un successo se pensate che a settembre ci chiedevano di stare sull'1,4%!». Rientrato da Buenos Aires Giuseppe Conte chiama al telefono i due vicepremier Di Maio e Salvini. A tutti e due ripete più o meno lo stesso ragionamento. Ovvero che lo «0,5% in più che abbiamo spuntato ci permetterà di fare tutto ciò che abbiamo promesso».

IL TURNO
La nota congiunta che i due vice diffondono a metà pomeriggio è riassumibile in un «bravo Conte» e in un sostanziale via libera che dà la misura della preoccupazioni con la quale Di Maio e Salvini hanno seguito l'ultima fase della trattativa del premier con Jean Claude Juncker. Con il fiato sospeso i due hanno atteso il racconto che il presidente del Consiglio ha fatto dei suoi incontri argentini che hanno coinvolto non solo il presidente della Commissione ma anche la Cancelliera Merkel, il presidente francese Macron e, telefonicamente anche molti altri leader dei paesi che compongono l'eurogruppo. A cominciare dal presidente di turno dell'Unione l'austriaco Sebstian Kurtz. A tutti Conte ha ribadito che l'Italia non intende entrare in collisione con Bruxelles e che è impegnata a trovare un'intesa per evitare la costosissima procedura per debito eccessivo.
Ovvero una vera e propria cura da cavallo da quaranta miliardi l'anno. Tanto la Ue avrebbe imposto, a partire da marzo, al governo giallo-verde per quello 0,8% in più debito. Compresa «l'immediata cancellazione di tutte le voci di spesa in corso». Meglio, quindi, far scendere di otto miliardi la manovra immaginata la sera del balcone di palazzo Chigi, far rientrare sotto al 2% il rapporto deficit-pil, e spalmare nel tempo le misure. Dopo le telefonate di ieri, è possibile che oggi a palazzo Chigi i tre si rivedano anche se ora il lavoro più gravoso è in mano ai tecnici del Mef che devono riscrivere intere parti della manovra di Bilancio.

«E' cambiato il clima - sostiene un ministro M5S - anche nel Paese e quindi è giusto correggere ma senza venire meno agli impegni». Il «clima» sono i sondaggi che da qualche tempo accreditano una buona dose di spavento di famiglie e imprese per le possibili conseguenze della manovra al 2,4%. Ne sa qualcosa il vicepremier leghista Salvini che ieri ha scritto a quattro quotidiani lombardi dicendo di «aver preso nota» «dei dibattiti locali degli ultimi mesi». Non meno preoccupato Di Maio il quale, occupato a respingere le accuse su note vicende familiari, aveva per primo dato a Conte il via libera alla trattativa con Bruxelles. Scendere di otto miliardi significa trasformare quota 100 - più indigesta a Bruxelles del Reddito - in una sorta di finestra temporale mentre il Reddito viene compresso al massimo nella platea e sempre più legato alla ricerca di un'occupazione. Le due misure verranno probabilmente dettagliate in un emendamento che verrà inserito nella manovra a palazzo Madama dopo che la Camera a metà settimana avrà votato con la fiducia il testo della manovra che, con una certa dose di inutilità, ha discusso ieri la Commissione Bilancio. Di fatto una corsa contro il tempo per completare l'iter entro lunedì 17 in modo da concedere alla Commissione il tempo per riscrivere il parere da consegnare all'Ecofin del 19. Oggi il ministro dell'Economia Giovanni Tria sarà a Bruxelles per la riunione dell'eurogruppo, ma la trattativa sembra chiusa anche se ieri Conte confidava ancora sulla possibilità di poter ottenere un altro 0.1% in più per gli investimenti.

L'ACCUSA
Nella fase convulsa della trattativa, oltre al ministro Tria e al ministro degli Esteri Moavero - che ha fatto la spola tra Roma e Bruxelles - decisivo è stato anche il ruolo del Quirinale che ha consigliato prudenza e dialogo sin dall'inizio di un braccio di ferro al quale il ministro Savona in origine aveva dato più di un argomento. Sotto i riflettori è però finito il ministro dell'Economia che i grillini ora accusano di non essere riuscito nella trattativa con Bruxelles laddove è invece arrivato Conte. Malumori che indicano forse la ricerca di un capro espiatorio, ma che segnalano anche la difficoltà della maggioranza a spiegare perché hanno tenuto in fibrillazioni imprese, investitori e famiglie per molte settimane.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Corinaldo, secondo i carabinieri sono 600 i biglietti venduti

di Mauro Evangelisti