Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Camere, assedio a Conte: «Ora aiuti la Capitale, subito più soldi e poteri»

Camere, assedio a Conte: «Ora aiuti la Capitale, subito più soldi e poteri»
di Fabio Rossi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Settembre 2020, 00:08 - Ultimo aggiornamento: 11:49
Un doppio pressing per la Capitale, per farle finalmente ottenere poteri e risorse adeguate al suo ruolo: da un lato verso il governo di Giuseppe Conte (è in atto un vero e proprio assedio), affinché abbandoni i tentennamenti e dimostri un interesse concreto per il destino della Città eterna; dall’altro verso il Campidoglio guidato da Virginia Raggi, con cui troppo spesso gli stessi parlamentari faticano a trovare un dialogo. L’occasione, peraltro, non è solo simbolica: il prossimo 3 febbraio si celebreranno i 150 anni della proclamazione di Roma come Capitale d’Italia. E da un decennio langue nei cassetti una riforma approvata in pompa magna il 20 settembre 2010 - con il conferimento della cittadinanza onoraria all’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano - ma rimasta finora sostanzialmente lettera morta.




 

Il documento



A smuovere le acque è l’Osservatorio parlamentare per Roma, un club trasversale tra i diversi partiti che riunisce una quarantina tra deputati e sanatori eletti da queste parti, coordinati dal radicale Riccardo Magi (attuale presidente) e da Stefano Fassina (Leu), Maurizio Gasparri (Fi), Roberto Morassut (Pd) e Fabio Rampelli (Fdi). Il primo passo è una mozione, già presentata a Camera e Senato, che impegna Palazzo Chigi a formare un comitato per l’organizzazione delle celebrazioni per Roma Capitale, alle quali sia destinata anche «una quota parte degli incassi della bigliettazione dei principali siti archeologici e monumentali e dei musei». Quindi a realizzare «un programma di opere pubbliche e di riqualificazione del tessuto urbano a basso impatto ambientale», utilizzando anche i soldi «messi a disposizione dall’Unione europea» con il Recovery fund. «Contiamo di riuscire a calendarizzare la mozione subito dopo il voto del prossimo fine settimana - spiega Fassina - Siamo certi che l’atto sarà approvato da tutti i gruppi». L’obiettivo, sottolinea, «è spingere il Governo a muoversi concretamente per i 150 anni di Roma Capitale, celebrando l’evento ma soprattutto dotando la città di risorse e poteri adeguati».
 

L’incontro



Il secondo fronte del pressing parlamentare punta dritto al colle capitolino, che paradossalmente fino a oggi è stato un altro anello debole della catena per il rafforzamento di Roma Capitale. A inizio ottobre l’Osservatorio organizzerà un incontro a Palazzo Senatorio con tutti i capigruppo del consiglio comunale. Obiettivo: fare fronte comune per rendere finalmente effettiva la riforma di dieci anni fa. «A partire dall’assetto istituzionale, che prevede l’elezione diretta del sindaco e del consiglio della Città metropolitana e la trasformazione dei Municipi in Comuni metropolitani», ricorda Fassina. Ovviamente la partita più corposa resta quella dei poteri, previsti dalla riforma ma mai effettivamente trasferiti a Roma, che la trasformerebbero di fatto in una Regione semi-autonoma all’interno del Lazio. Si tratta di competenze importanti e delicate, che vanno dai trasporti all’urbanistica, dal commercio alla tutela dell’ambiente: amministrarle direttamente significherebbe, per esempio, gestire senza intermediari i fondi per il trasporto pubblico locale e la pianificazione del territorio. E somigliare di più a una grande Capitale europea.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA