Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Draghi oggi dimissioni, Conte furioso: «Ieri orientati a dare appoggio esterno, ci aspettavamo rispetto»

Le parole del leader del Movimento 5Stelle ai suoi

Conte furioso: «Ieri eravamo orientati a dare appoggio esterno, ci aspettavamo rispetto»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Luglio 2022, 11:02 - Ultimo aggiornamento: 11:14

«Ieri eravamo orientati a dare almeno un appoggio esterno e ci aspettavamo di ricevere considerazione, dialettica politica e rispetto per il Parlamento». Queste le parole del leader Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte di fronte all'assemblea del Movimento 5 Stelle che in questo momento è riunita nella nuova Aula dei gruppi di Montecitorio. Dopo la crisi di governo e il risicat voto di fiducia al senato, l'ex premier Mario Draghi oggi ha consegnato le dimissioni al Capo dello Stato. 

 

«Ci aspettavamo un confronto leale»

Nel suo intervento Conte ha ripercorso le fasi della convulsa giornata di ieri al Senato: «Come Movimento abbiamo condiviso una linea. Ci siamo affidati al nostro documento politico. Abbiamo sostenuto il governo con responsabilità nell'emergenza ma ci aspettavamo un'agenda di governo, almeno a grandi linee» ha proseguito. «Ci aspettavamo che in Consiglio dei ministri non arrivassero cose scritte altrove. Chiedevamo un confronto reale, vero, leale».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA