Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Comunali, Mannheimer: «Se Fdi batte Lega per Salvini è un bel problema. Campo largo? Un orticello»

«Non decollano alleanze con Azione che non vuole M5s»

Mannheimer: «Se Fdi batte Lega per Salvini è un bel problema. Campo largo? Un orticello»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Giugno 2022, 11:53 - Ultimo aggiornamento: 17:12

Il sondaggista e sociologo Renato Mannheimer ha commentato gli exit poll del voto delle comunali. Al momento, il centrodestra unito ha vinto al primo turno Genova e Palermo. Mentre al ballottaggio andrebbero le città di Parma, Verona, Catanzaro e L'Aquila. «Anche se il conteggio delle schede ci deve ancora arrivare, i dati che abbiamo a disposizione ci fanno capire che il risultato delle amministrative può essere interessante. Nel centro destra vedremo una battaglia campale tra Fdi e Lega al Nord. Se Fdi al Nord supera la Lega, per la Lega e Salvini si apre un bel problema politico», ha detto l'accademico all'Adnkronos.

L'ANALISI 

«Al centro destra - continua Mannheimer ragionando ancora sugli exit poll - le cose non sono andate male: ha avuto una bella vittoria a Genova e Palermo, un ottimo risultato a L'Aquila. Dove si è presentato diviso come a Parma e Verona, le cose sono andate male e questo è un segno evidente che se non si presenta unito, il centro destra non vince». «Nel centro sinistra vediamo che il campo largo in realtà è un orticello. Solo il Pd riesce di fatto a essere il cardine di un'alleanza con i 5Stelle, che continuano inesorabilmente a perdere voti, anche se le elezioni amministrative sono un terreno sul quale il M5s hanno sempre fatto fatica. Il campo largo doveva aprirsi anche verso il centro ma le alleanze con il centro non decollano. Parlo in primo luogo di Azione e Calenda che dei 5Stelle non ne vuole sapere. Pure in questo caso dovremo aspettare i numeri veri, quelli che usciranno dalle urne e che orienteranno le scelte dei ballottaggi, per capire se questo campo largo può avere una prospettiva in ottica 2023».

© RIPRODUZIONE RISERVATA