Comunali, primo duello tra le leader: Meloni ai punti su Schlein. L’effetto Giorgia pesa di più, bilancio di Elly in chiaroscuro

​Entrambe si sono spese in campagna elettorale. Evitando attacchi personali

Comunali, primo duello tra le leader: Meloni ai punti su Schlein. L effetto Giorgia pesa di più, bilancio di Elly in chiaroscuro
di Mario Ajello
4 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Maggio 2023, 23:51 - Ultimo aggiornamento: 16 Maggio, 08:31

Siamo ancora al primo tempo della partita delle comunali, e per ora la sfida Meloni-Schlein, la gara tra le due donne della destra e della sinistra, tra la leader della maggioranza e quella dell’opposizione, tra chi a Palazzo Chigi siede dallo scorso autunno e chi aspira a succederle al prossimo giro, sembra andare verso un mezzo pareggio più favorevole a Giorgia che a Elly. Entrambe, senza scambiarsi attacchi diretti e veleni personali - evviva il fair play della politica al femminile! - si sono spese assai nella campagna elettorale. Ben sapendo la posta in gioco: che per il premier è la conferma - al netto delle specificità dei vari luoghi - di una luna di miele con i cittadini elettori e il desiderio di mostrare la primazia di FdI anche rispetto ai propri alleati della Lega e di Forza Italia, e per la sfidante è l’affermazione della propria leadership e la discontinuità con il vecchio Pd perdentista e spaesato. Per questo Meloni non ha mantenuto rispetto a questo voto le distanze che pure il suo ruolo istituzionale le avrebbe consentito. E per questo Schlein ha fatto di tutto, impegnandosi di qua e di là per evitare che all’indomani del voto, cioè oggi, i media potessero titolare: «Elly, male la prima!», o «Esordio flop per Lady Nazareno». 

Comunali 2023, affluenza scende al 59%: c'è più partecipazione nelle città dove i sindaci uscenti sono civici

Al momento - e considerando che lo spoglio in vari comuni va ancora concluso - è andata un po’ meglio a Meloni.

Certo, per la sinistra tenere Brescia, roccaforte che poteva crollare e su cui gli avversari puntavano assai con tanto di sfilate dei ministri in città, non è poco. E così Schlein ha subito esultato per avere tenuto Brescia già al primo turno e ha annunciato: «Arrivo subito da voi per festeggiare. Ve lo avevo promesso e lo farò». L’alleanza con Calenda, e senza M5S, ha funzionato. Sarebbe stato un pennacchio importante per Meloni espugnare Brescia, rompendo la filiera amministrativa del Pd che va da Milano con il sindaco Sala a Bergamo con il sindaco Gori. Ma niente, la città di papa Montini, di Martinazzoli, di Bazoli, del cattolicesimo illuminato e democratico, della borghesia moderatamente schierata sul fronte progressista, ha preferito la continuità e non affidarsi al candidato della Lega. 

PUNTEGGIO

E però, una ex città rossa come Terni, che vede al ballottaggio il centrodestra e la lista civica di centrodestra guidata da Bandecchi, con la sinistra umiliata e offesa, è un punto a segno per Giorgia contro Elly. Così come, in versione maggiore, Ancona, dove la donna della destra e quella della sinistra a distanza si sono molto sfidate in campagna elettorale. E per ora i cittadini hanno creduto a Giorgia che ha detto agli imprenditori locali giorni fa: «Governo e regione sono una filiera che funziona». 

E in questa filiera ha chiesto di aggiungere il capoluogo regionale, Ancona, togliendolo alla sinistra che lo detiene da tempo. Il ballottaggio vede in vantaggio il centrodestra, anche se al secondo turno gli elettori M5S potrebbero convergere sul candidato del Pd. Dove Meloni ha fatto il botto è a Latina. Dove Schlein non ha fatto il botto, e a un successo laggiù teneva in maniera particolarissima, è in Toscana. 

La scommessa di Elly era dimostrare che Pisa, Massa e Siena potessero tornare a sinistra: «Il nostro buon governo contro il loro niente», questo il refrein. E tuttavia, il triplete al momento è fallito. E se qui Schlein si giocava tutto - doveva dimostrare che la sua leadership radicale riporta le masse ex di sinistra a tornare a sinistra e che la rossa Toscana sarebbe tornata tale - la partita non pare sia andata bene, con Pisa che resta a destra, e Massa anche, mentre soltanto a Siena il contrattacco pare riuscito ma bisognerà aspettare il secondo tempo. Il tonfo a Pisa, dove c’era l’alleanza rossogialla, è un campanello d’allarme brutto per Elly: e del resto su 4 capoluoghi di provincia dove Pd e M5S erano insieme, solo a Teramo è andata bene, ed è un’avvisaglia non incoraggiante in prospettiva futura. 

L’effetto Schlein è mancato, per lo più, in questa tornata. Dove l’effetto Giorgia non è stato un tornado, ma lei è soddisfatta di non aver riconsegnato alla sinistra nessuna delle città che già erano state espugnate. «La serietà pragmatica del nostro governo funge da stimolo per molti cittadini - questo l’umore ieri sera a Palazzo Chigi - a credere in noi anche a livello locale». Meloni soddisfatta, anche perché FdI si conferma quasi ovunque primo partito. Schlein in attesa di fare meglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA