La Lega denuncia "Chi l'ha visto?": «Sciacallaggio in diretta nazionale»

Giovedì 14 Maggio 2020
4

«La Lega presenterà una interrogazione, un esposto ad Agcom e una querela nei confronti di Federica Sciarelli». Lo annuncia durante il suo intervento in commissione di Vigilanza Rai, dove è in corso l'audizione del presidente dell'Agcom Angelo Cardani, il deputato del Carroccio e segretario della bicamerale Massimiliano Capitanio. «Tra i tanti esposti alla sua attenzione - dice il parlamentare - ce n'è uno in arrivo su cui chiederemmo un suo intervento urgente e perentorio e cioè il fatto gravissimo che si è verificato ieri sera durante la trasmissione 'Chi l'ha visto?'».

Il deputato continua: «Durante la puntata, fuori contesto e fuori dal mandato editoriale, la conduttrice Federica Sciarelli e anche la redazione hanno diffamato la Regione Lombardia, leggendo una mail di una qualunque ascoltatrice, condita di falsità e di iperboli assolutamente inaccettabili in questo momento gravissimo e delicato per la nostra democrazia  e tenuta sociale, ha diffamato il partito della Lega attribuendo un reato gravissimo, ovvero l'invito ad impiccare Silvia Romano, ad un esponente della Lega, quando questo cittadino - tiene a precisare l'esponente del Carroccio - non è assolutamente un tesserato della Lega». Di qui l'annuncio di una interrogazione, un esposto all'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e la querela a Sciarelli.
 

VIDEO Lombardia, Fontana: «Contagio? Rispetto ad altre regioni lo abbiamo contenuto bene»

«Ieri sera abbiamo assistito ad una delle pagine più buie, vergognose e deontologicamente scorrette nella storia del giornalismo. Alludere al "genocidio sanitario" perpetrato dalla Regione Lombardia in base a una mail diffamatoria e oggettivamente piena di falsità è indegno della tv di Stato e della professione giornalistica».

Massimiliano Capitanio sottolinea: «A questo si aggiunge l'altra falsità detta pochi minuti dopo da Federica Sciarelli, che ha attribuito un invito a uccidere Silvia Romano a un cittadino definendolo "esponente della Lega", cosa altrettanto falsa - aggiunge il leghista. Se redazione e conduttrice, fuori contesto, hanno deciso di diffamare e attaccare la Lombardia e Lega nel tentativo di farci sparire, sappiano che non tollereremo questo squadrismo mediatico».

«Alle denunce che, spero, arriveranno dalla Regione, si uniranno i nostri esposti all'Agcom e l'intervento in Vigilanza Rai per pretendere il diritto di replica, verificare la veridicità delle mail e chiedere il riscontro giornalistico sul nome del presunto esponente leghista», conclude Capitanio.

Ultimo aggiornamento: 21:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA