GOVERNO

Cashback, Palazzo Chigi: «Rallentamenti risolti, da domani basterà un clic»

Martedì 8 Dicembre 2020
Cashback, Palazzo Chigi: «Rallentamenti risolti, da domani basterà un clic»

I problemi di rallentamento sulla registrazioni dell'app IO per partecipare al cashback, secondo quanto spiegano fonti di Palazzo Chigi, sarebbero risolti. «In due-tre click» le carte sono caricate, «da domani basterà un click», sottolineano. In sostanza si stanno operando gli ultimi interventi per rendere il traffico sull'applicazione molto più fluido.

Si sono registrati 2,3 milioni di strumenti di pagamento malgrado i rallentamenti.     Ad oggi, giornata di avvio del programma Cashback, gli utenti hanno registrato sull’app IO: 1.157.840 carte di debito o credito che si aggiungono a 122.685 carte PagoBANCOMAT. Inoltre, dai sistemi alternativi all’app IO messi a disposizione sui canali di altri soggetti aderenti al programma (i cosiddetti Issuer Convenzionati) sono stati attivati complessivamente per il Cashback 975.573 strumenti di pagamento elettronici.

 

«Il totale degli strumenti di pagamento elettronici già attivati ad oggi per partecipare al Cashback sono 2.256.098, malgrado i rallentamenti riscontrati dagli utenti nelle scorse ore sulla sezione Portafoglio dell’app IO dei quali ci scusiamo», precisa una nota di Palazzo Chigi. Intanto, sull’app IO prosegue l’enorme volume di traffico, con un totale dei download che sfiora quota 7,6 milioni e 2,3 milioni di utenti attivi presenti in app nelle ultime 24 ore, con picchi di oltre 14.000 operazioni al secondo nella sezione Portafoglio. È possibile, pertanto, che alcuni disagi si manifestino anche nelle prossime ore. «Ma continuiamo a lavorare per risolvere nel più breve tempo possibile tutti i disservizi, che comunque già nella giornata di oggi sono stati mitigati dall’attività che PagoPA S.p.A. sta effettuando insieme al partner tecnologico SIA S.p.A», prosegue la nota del governo.

Faq Cashback, come funziona: app, benzina, rimborsi, registrazioni (8 domande e risposte)

Chi ha attivato i propri strumenti di pagamento elettronici ai fini del Cashback sull’app IO, da oggi può iniziare ad acquistare cumulando transazioni per ottenere il rimborso dell’Extra Cashback di Natale. 

In meno di una settimana, da venerdì 4 dicembre, le iscrizioni a Satispay sono più che raddoppiate, superando le 5.000 nuove al giorno. Lo fanno sapere dalla fintech italiana, tra le app di pagamento elettronico attraverso cui si può partecipare al Cashback di Stato, partito da oggi. Tra gli utenti che già utilizzano Satispay, in tutto circa 1,4 milioni, già il 30% ha attivato dall'app la partecipazione al programma di rimborso che premia gli acquisti attraverso pagamenti elettronici.

Anche Nexi, Hype e Banca Sella,  i canali alternativi alla app pubblica hanno registrato l'attivazione di 975.573 strumenti di pagamento elettronici. Anche questi canali consentono di accedere al programma Cashback dall’8 dicembre tramite le sue app Nexi Pay e Yap . Non sarà necessario registrarsi con identità digitale sull’app IO e Nexi offrirà vantaggi aggiuntivi. Per chi si iscrive all’iniziativa tramite Nexi Pay, saranno considerati validi ai fini del cashback anche gli acquisti effettuati con Smartphone utilizzando Apple Pay, Google Pay e Samsung Pay, in aggiunta a quelli effettuati con le carte. Inoltre Nexi ha deciso di applicare ai commercianti zero commissioni per i pagamenti con carte sotto i 10 euro, fino alla fine del 2021. Nexi, che insieme alle banche partner serve 900.000 esercenti in Italia, ha deciso di prolungare l’iniziativa, che inizialmente doveva concludersi a fine 2020.

Cashback anche per la benzina, previsti rimborsi del 10% (fino a 150 euro al mese a persona)

Certo, oltre al meteo e alle restrizioni anti-Covid, a pesare sull'avvio dell'operazione sono stati i rallentamenti sulla app IO, già stigmatizzati dal Codacons che ha presentato un esposto per interruzione di pubblico servizio. Per sapere in quanti effettivamente hanno anche già fatto le prime spese utili ad accumulare transazioni per i rimborsi bisognerà aspettare qualche giorno: i dati saranno aggiornati via via e - sulla app Io ma anche sulle altre - si potrà sempre consultare il proprio "contatore" per vedere quanto rimborso spetta e a che punto si è della classifica nell'utilizzo delle carte: a partire da gennaio, infatti, oltre al cashback standard del 10% (massimo 150 euro su massimo 1.500 euro di spesa) si concorrerà anche per guadagnarsi il supercashback, ovvero un rimborso da 1.500 euro a semestre previsto per i primi 100mila utilizzatori delle carte.

Per partecipare al programma basta essere maggiorenni e titolari di strumenti di pagamento elettronico. Se si sceglie la via pubblica bisogna munirsi di Spid, scaricare la app Io e registrarsi, confidando sul fatto che passati i primi entusiasmi i flussi rallentino e anche il sovraccarico della app vada scemando, in modo da riuscire in pochi click a completare l'operazione. «È possibile - ammette Palazzo Chigi - che alcuni disagi si manifestino anche nelle prossime ore» visto il ritmo di accessi della giornata, ma «si continua a lavorare per risolvere nel più breve tempo possibile tutti i disservizi, che già oggi sono stati mitigati dall'attività che PagoPA S.p.A. sta effettuando insieme al partner tecnologico SIA S.p.A».

Cashless Italia, piano del governo a Natale: date e rimborsi (sino a 150 euro), tutto quello che c'è da sapere

Ultimo aggiornamento: 22:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA