Autonomia, la frenata M5S al Cdm: il testo andrà alle camere

Venerdì 15 Febbraio 2019 di Simone Canettieri
9
Il ministro dei Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro e il ministro per il Sud Barbara 
Lezzi

Un consiglio dei ministri lampo prende atto dell’istruttoria presentata dal ministro Erika Stefani sulle autonomie. Ma la riforma - che spoglia la Capitale di risorse e ministeri - registra subito lo stop del M5S. I parlamentari grillini fanno circolare poco prima che inizi la riunione di governo un contro-dossier che smonta tutto: «Così ci saranno cittadini di serie A e serie B». 

Non solo, entrando nei dettagli costituzionali i pentastellati pongono seri dubbi sull’architettura delle autonomie differenziate, spinte della Lega. 

La battaglia all’interno della maggioranza gialloverde sta per iniziare, anzi è solo rimandata a quando il dibattito si sposterà, così come vogliono gli uomini di Luigi Di Maio, in parlamento. E proprio Riccardo Fraccaro, ministro per i rapporti con il parlamento, spiega che «le Camere saranno coinvolte nell’iter» quando «ci sarà il testo finale».
Di fatto ieri sera il Consiglio dei ministri ha avviato il percorso delle intese con Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna che dovrebbe portare ad attribuire a queste regioni una serie di competenze che incidono sulla vita dei cittadini a danno di Roma e del Sud: dalla scuola, alla sanità, dalle casse di risparmio fino alla sicurezza sul lavoro.
Una novità, se non una rivoluzione, che entusiasma la maggior parte degli abitanti delle tre Regioni, ma spaventa i residenti della Capitale e del Sud che temono il venir meno di risorse che assicurano i servizi di base. Timori che attraversano anche la maggior parte dei partiti, a cominciare dal M5s che ha nel Mezzogiorno la sua ossatura elettorale, senza tralasciare l’opposizione: dal Pd e LeU a Forza Italia. 

La trattativa tra venne avviata dal Governo Gentiloni pochi giorni prima della fine della legislatura, il 28 febbraio 2018, ed è stata portata avanti in questi mesi dal ministro per gli Affari Regionali, Erika Stefani che, ha portato oggi in Consiglio dei ministri le bozze delle tre Intese dopo il via libera del Ministero dell’Economia. 
Il tema di fondo, infatti, sono le risorse finanziarie che Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna reclamano per gestire le nuove competenze: 23 quelle richieste da Veneto e Lombardia, 16 quelle reclamate dall’Emilia. Il dibattito attraversa tutte le forze politiche. Nicola Zingaretti, nella duplice veste di governatore del Lazio e candidato alla segreteria del Pd, spiega: «Esistono differenze sostanziali tra le diverse proposte portate avanti dalle Regioni sull’autonomia: una, quella di Lombardia e Veneto, di fatto vorrebbe sottrarre risorse al resto del Paese. 
L’altra, come ad esempio quella dell’Emilia-Romagna del presidente Bonaccini (del Pd-ndr) punta invece a una gestione diretta e più efficiente di risorse che lo Stato già spende per competenze che verrebbero trasferite alle Regioni - senza creare disparità tra i diversi territori italiani». 
I Dem hanno al loro interno i favorevoli, come i governatori Bonaccini e Chiamparino, e i contrari come i governatori del Sud, a partire da Vincenzo De Luca. Stesso scenario per FI, con Giovanni Toti favorevole e una battagliera Mara Carfagna che ha messo in guardia dai rischi di «forzature inaccettabili». Silvio Berlusconi tenta una sintesi: «Siamo favorevoli ad una maggiore autonomia ma teniamo in grande considerazione le ragioni del Sud».
CITTADINI DI SERIE A E SERIE B
Alla conclusione del Consiglio dei ministri il governatore veneto Luca Zaia si dice ottimista: «Manca l’ultimo miglio: ci sono alcune criticità per quanto riguarda l’ambiente, la sanità, le infrastrutture e la cultura ma è un testo che ora passa in mano alla politica». Matteo Salvini risponde alle critiche del dossier M5S negando che nasceranno «cittadini di serie A e serie B». Il ministro Stefani annuncia che ci sarà un «confronto del parlamento prima delle firme». Anche se premette che è difficile che «il ddl sia emendabile». Rimangono i dubbi in maggioranza. Con il M5S intenzionato a non far passare così il testo. Per questo, annuncia Salvini, la prossima settimana «ci sarà un vertice politico». Ci sanno posizioni al momento non conciliabili. In mezzo: la tenuta del governo.

Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio, 07:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Gli strapperei le braccia»: Dessì e la cura al malaffare

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma