Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

25 aprile, la piazza quest'anno è virtuale: boom di adesioni all'iniziativa #iorestolibero

25 aprile, la piazza quest'anno è virtuale: boom di adesioni all'iniziativa #iorestolibero
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 8 Aprile 2020, 19:34

Piace l'idea lanciata da Carlo Petrini di celebrare il 25 aprile nel solo modo possibile in tempi di quarantena per coronavirus: organizzare una piazza virtuale e una grande raccolta fondi per Caritas e Croce rossa italiana per garantire un tetto e un pasto ai più bisognosi. #iorestolibero è l'hashtag e il nome dell'iniziativa che ha già raccolto l'adesione di 1.500 tra artisti, intellettuali, sportivi, uomini di chiesa e laici, movimenti, associazioni, sindacati. «Non si può far passare una data così importante senza qualcosa di coinvolgente», spiega Petrini. 

L'elenco completo dei firmatari si trova sul sito www.25aprile2020.it e non potrebbe essere più vario: Liliana Segre, Renzo Piano, Francesco Guccini, Jo Squillo, Rita Pavone, Maria De Filippi.

«Il Partito Democratico aderisce all'appello lanciato da Carlo Petrini per celebrare sui social il 25 Aprile, la Festa della Liberazione dal nazifascismo. Una grande piazza digitale e virtuale per unire l'Italia nel nome della democrazia, della libertà e di un futuro migliore per tutti. Ne abbiamo bisogno. #iorestolibero», ha annunciato oggi su Facebook il leader Pd Nicola Zingaretti.

La piazza virtuale ha subito innescato l'attacco dell'estrema destra: «Bellissimo il 25 aprile virtuale, dovrebbero farlo tutti gli anni. Si vedono su zoom, Gad Lerner, Saviano, e festeggiano», ha detto all'Adnkronos il leader di Casapound Simone Di Stefano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA