Zerocalcare, successo "troppo" romanesco o solo rosicamento?

Venerdì 26 Novembre 2021, 00:46 - Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 09:20

Con Marco Presta, umorista e conduttore da 26 anni del Ruggito del Coniglio, romano di Cinecittà, analizziamo il successo del fumettista capitolino ai vertici dello streaming con la sua serie "Strappare lungo i bordi". "L'idea che mi sono fatto è che la polemica è un po' assurda, ma anche sintomo di un qualche rosicamento. Se penso che un mese fa tutti in coro ricordavamo gli sketch di Gigi Proietti o sorridiamo quando ascoltiamo Sordi. Eppoi riuscireste ad immaginare Ricomincio da Tre di Troisi in un'altra lingua che non fosse il suo strano napoletano?", Presta scherza dicendo che la serie è "gajarda, ma così parliamo noi, mentre la lingua e i temi, anche molto seri, che tratta Zerocalcare colpiscono nel segno la generazione dei nostri figli". Poi la provocazione finale: "Se la polemica continua, allora imbracciamo il Rugantino alla milanese di Celentano o la Vanoni che canta le Mantellate: noi romani, all'epoca, fummo grandi simpatizzanti, voglio ricordarlo a tutti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA