Morto Viktor Bryukhanov, direttore di Chernobyl: era a capo della centrale nucleare al momento del disastro

Per l'esplosione nel 1986 fu condannato a 10 anni

Morto Viktor Bryukhanov, direttore di Chernobyl: era a capo della centrale nucleare al momento del disastro
2 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Ottobre 2021, 14:03 - Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre, 08:35

Addio a Viktor Bryukhanov: fu il direttore della centrale nucleare di Chernobyl, a capo dell'impianto nel momento del disastro e dei primi sforzi per contenerne le conseguenze, nel 1986. Aveva 85 anni, lo ha reso noto la direzione stessa del sito. Bryukhanov è stato il primo e l'unico direttore della centrale, sin dagli anni della sua costruzione, fra il 1970 e il 1977. Fu licenziato poche settimane dopo l'esplosione del quarto reattore. Fu poi condannato, dal Tribunale supremo dell'Urss, a dieci anni di carcere dopo essere stato giudicato colpevole di violazioni della sicurezza. Era poi stato rilasciato dopo aver scontato metà della sua condanna.

Chernobyl: sequestrate le prime 1.500 bottiglie di Atomik, liquore prodotto "a chilometro zero"

Chernobyl, in un reattore reazioni di fissione: «Come tizzoni in un barbecue». Ma nell'area tornano animali in via d'estinzione

Nel primo rapporto che scrisse subito dopo l'esplosione, Bryukhanov assicurò le autorità che i livelli di radiazione, che si diffusero in tutta Europa, erano «sotto controllo», come è emerso da documenti recentemente declassificati in Ucraina. Nato in Uzbekistan, si laureò in ingegneria elettrica a Tashkent e iniziò a lavorare per centrali elettriche locali prima di trasferirsi in Ucraina. Dopo il suo rilascio, si trasferì a Kiev, dove lavorò per il ministero dello sviluppo economico e del commercio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA