Valentino Rossi, ritirato il numero 46 dal MotoMondiale: «Potevo continuare ma sono vecchio». Festa al Mugello

Valentino Rossi, ritirato il numero 46 dal MotoMondiale. Grande festa al Mugello
3 Minuti di Lettura
Sabato 28 Maggio 2022, 13:57 - Ultimo aggiornamento: 29 Maggio, 13:59

Valentino Rossi, ritirato dal MotoMondiale il suo numero 46. Toccante cerimonia al Mugello dove, lungo quelle 15 curve spettacolari, nessuno ha vinto quanto il Dottore: 9 di cui 7 di fila tutte in MotoGp. Il Vr46, da oggi, è una volta di più "Io sono leggenda". «Avrei potuto correre ancora 3 o 4 anni - ha dichiarato, emozionato, Valentino -  ma mi fanno male la schiena e le ginocchia e quindi da lì ho capito che ero diventato vecchio». La cerimonia si è svolta sul rettilineo del circuito del Mugello pochi minuti prima dell'inizio delle qualifiche del Gran premio d'Italia. A distanza ha festeggiato anche la sua Tavullia, dove da alcuni giorni, dopo un accordo con la Soprintendenza, è tornato un maxi striscione a lui dedicato sulle antiche mura medievali del paese.

 

Tifosi in tribuna, Francesca e Giulietta non sono al Mugello

«Grazie per il meraviglioso supporto, il tifo e le emozioni di tutti questi anni - ha raccontato Valentino Rossi, non accompagnato per l'occasione dalla fidanzata Francesca Sofia Novello e da sua figlia, la piccola Giulietta -. Ci ringraziamo a vicenda perché il pubblico del Mugello è stato sempre emozionante. Ieri sera parlavo con i miei amici e dicevo che il primo giro della domenica mattina del Mugello nel warm up è una delle emozioni più grandi per un pilota di moto e per questo è stato bello fare la cerimonia qui».

I titoli vinti in carriera

Valentino Rissi ha chiuso la sua carriera motociclistica con 9 titoli mondiali, disputando 432 gare con 232 podi, 115 vittorie e 65 pole position.Sul rettilineo del circuito erano presenti però tutti i suoi amici, meccanici, tecnici e team manager delle altre squadre che lo hanno voluto celebrare con un lunghissimo applauso. Davanti a tutti, invece, c'era l'intero team Mooney VR46, la sua scuderia che adesso rappresenta il suo futuro nel motomondiale. Sulla tribuna centrale, per l'occasione, era presente il suo fan club. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA