Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Uma Thurman a Roma con la figlia cerca casa nella Capitale (e intanto fa la turista ai Musei Vaticani)

Uma Thurman a Roma con la figlia cerca casa nella Capitale (e intanto fa la turista ai Musei Vaticani)
di Laura Larcan
3 Minuti di Lettura
Lunedì 27 Giugno 2022, 07:43

Niente balletto twist stile Pulp Fiction nè tutina gialla con spada di Hattori Hanzo, ma bellissima in un look casual chic. Le citazioni cinefile possono essere infinite per Uma Thurman, la diva di Hollywood, volto iconico dei film di Quentin Tarantino, che si sta godendo Roma in questi giorni. Sembra addirittura che l'attrice di Boston stia cercando casa nella Capitale. Secondo le indiscrezioni, la Thruman potrebbe scegliere a breve un pied-à-terre in zona centralissima per godersi la Città eterna appena ne ha l'occasione. Intanto ha fatto la turista, in sana modalità da vacanze romane. Eccola allora in visita ai Musei Vaticani. Nessun tour privato. Si è tuffata nel valzer dei visitatori. E in molti, tra una pausa e l'altra, l'hanno riconosciuta. E' arrivata nel caldo pomeriggio afoso (intorno alle 17:30) con la figlia bellissima, Luna, di 10 anni, la sua terzogenita dopo Maya e Levon. Con lei, alcuni famigliari. Uma, splendida, d'una bellezza al naturale: viso acqua e sapone, capelli biondi raccolti in uno chignon alto, blusa bianca su pantaloni blu e sandali, occhiali da sole e zainetto.

Quentin Tarantino a Roma: «Il mio sogno? Girare un film a Cinecittà»


Ad accoglierla, il clavigero del Papa, il custode delle chiavi Gianni Crea. Per l'attrice, un affaccio al bunker-deposito delle chiavi che aprono le centinaia di porte dei Palazzi Vaticani, compresa quella della Cappella Sistina. E via con la passeggiata tra i capolavori. Una sosta doverosa sulla terrazza del Nicchione per offrire alla diva una vista mozzafiato sul Cupolone: «Gorgeous», ha esclamato. «Bellissima vista, è indimenticabile, la porterò sempre nel mio cuore», ha commentato estasiata. E non poteva mancare la foto ricordo con le chiavi dei Musei Vaticani in mano. Poi, la Sistina, un'emozione. «L'avevo visitata qualche anno fa - ha raccontato l'attrice agli accompagnatori - quindi questa è la mia seconda volta. Ma è sempre incredibile». Le coccole alla piccola Luna non sono mai mancate: mamma Uma è attenta a spiegarle tutto quello che vedono. La bimba è un vulcano di curiosità, osserva e fa domande. Una perfetta turista. Uma è comunque molto scrupolosa: indossa la mascherina appena vede molta gente intorno a loro. Altra tappa, davanti alla Fontana della Galea, una delle cento fontane del Vaticano: «Sono senza parole...». Ha approfittato anche per vedere la cosiddetta sala degli Animali, incuriosita molto da quelle creature fantastiche scolpite tra realtà e mitologia. Una maratona d'arte, insomma. E resterà ancora a Roma. Qualche incontro di lavoro (forse per Armani?) e chissà che non trovi la sua dolce casa.
E le notti romane calamitano anche altri attori americani, come Craig T. Nelson, volto americano di tanti film e fiction. Ad immortalarlo, l'obiettivo di Rino Barillari. Eccolo a cena con la moglie Doria, in un noto locale di viale Parioli, per piatti a base di pesce, accompagnato dall'autista Luciano Ciferri, a festeggiare la fine delle riprese del film Book club 2. Tutto può succedere, la commedia che ha portato a Roma un cast stellare con Diane Keaton, Jane Fonda, Candice Bergen e Mary Steenburgen. Per lui, applausi dai commensali. E ieri bis a Castel Gandolfo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA