Susanna Tamaro, il doloroso addio al cane Lucky: «Ogni mattina prendo la tua ciotola, ma tu non ci sei»

Martedì 21 Luglio 2020
1
Susanna Tamaro, il doloroso addio al cane Lucky: «Ogni mattina prendo la tua ciotola, ma tu non ci sei»

«Una bellissima mattina di luglio, quando nessuno se lo aspettava, te ne sei andato». Comincia così lo struggente messaggio d'addio di Susanna Tamaro al suo amato cane Lucky, pubblicato su Facebook lo scorso 19 luglio. «Eri un cane ancora giovane - scrive - capace di gioire pienamente della vita. Di un cane anziano si aspetta la morte come un naturale compimento, ma quando la fine arriva così imprevista non ci si riesce a riprendere da uno stato di doloroso stupore».

LEGGI ANCHE Susanna Tamaro ha la sindrome di Asperger: «Mi ritiro dalla vita pubblica, ma continuo a scrivere»

La scrittrice, da sempre innamorata degli animali, ha commosso i suoi seguaci raccontando a cuore aperto il suo dolore: «Ogni mattina prendo la tua ciotola in mano. "I'm empty" c'è scritto sopra come se dovessi riempirla, durante il giorno molte volte, automaticamente e inutilmente, ripeto il tuo nome: un pezzettino di pane in mano, il desiderio di farti una carezza, di veder spuntare da qualche parte il tuo musetto sorridente».

LEGGI ANCHE Susanna Tamaro, la sua cagnolina Pimpi uccisa da un boccone avvelenato: l'addio della scrittrice su Fb

Susanna Tamaro aveva adottato il trovatello Lucky nel 2015: «Come tutti i miei cani, eri un cane di 'seconda mano'. Nella tua vita di prima avevi subito crudeltà inimmaginabili che ti avevano portato a un passo dalla morte. Eri stato salvato da delle volontarie che ti avevano trovato, quasi esanime, al casello di Giove. Per sei mesi, con pazienza e amore, ti avevano curato. Appena guarito ci siamo incontrati. È stato amore a prima vista. Il tuo corpo era ormai sano, ma la tua anima ancora gravemente ferita. Hai impiegato due anni per riuscire a fidarti, guardarmi negli occhi e tirare fuori il tuo meraviglioso carattere da Collie. Andavi pazzo per i bambini e la fattoria era il tuo piccolo regno fatato, vivevi nel terrore che qualcuno o qualcosa ti portasse via da qui».
 

 

Un improvviso problema cardiaco si è portato via Lucky, ma in mille pezzi ora è anche il cuore della sua padrona: «È stato il tuo cuore a tradirti all'improvviso. E quando si è fermato il tuo, si è fermato un po' anche il mio. Com'è tremendamente misterioso il rapporto che lega un essere umano al suo cane! Un'anima complessa e un'anima più semplice che le si affida con l'innocente devozione dell'amore. E com'è terribile anche lo strazio che accompagna la scomparsa dei nostri piccoli amici! Per quanti se ne siano già seppelliti, il dolore non sfuma e né si smorza». E poi il toccante saluto: «Ciao, amatissimo Lucky! Sei stato un cane straordinario, mite e gentile. Grazie per l'allegria, la fedeltà e l'amore che ci hai regalato in questi anni».

Ultimo aggiornamento: 16:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA