“Che San Valentino da cani”, Eva Grimaldi e Luca Vecchi in un video per la festa dell'amore

Eva Grimaldi, Daniele Frontoni e Luca Vecchi_credits Courtesy of Press Office
di Gustavo Marco Cipolla
3 Minuti di Lettura
Sabato 13 Febbraio 2021, 10:46 - Ultimo aggiornamento: 10:49

Una favola contemporanea che ricorda il film d’animazione Disney “Lilli e il vagabondo”. Per innamorarsi ancora il giorno di San Valentino con un’insolita coppia di voci, quelle dell’attrice Eva Grimaldi e del poliedrico artista Luca Vecchi che, nel video scritto e diretto da Daniele Frontoni insieme a Valerio Molinaro, doppiano due cagnolini desiderosi di celebrare l’atteso 14 febbraio nonostante le vigenti normative sanitarie e la chiusura serale dei locali dedicati alla ristorazione e alla cultura. Girato negli spazi della storica pizzeria romana di via Assisi dal videomaker Maurizio Rinaldi, che si è occupato del montaggio delle immagini in cui i simpatici amici a quattro zampe Nina e Golia diventano interpreti per un giorno davanti alla cinepresa, in “Che San Valentino da cani” spicca pure lo speaker Riccardo Cotumaccio, imitatore vocale dell’ex premier Giuseppe Conte.

La colonna sonora non poteva che essere “Love is in the air” di John Paul Young datata 1978, anche se l’aria che si respira, tra vaccini in ritardo e pandemia in corso, non è delle migliori. Ma la speranza continua a riempire i cuori di sposi, fidanzati e congiunti, che non sono immuni dal piacevole virus dell’amore e si lasciano contagiare dalle proprie emozioni. «L'emergenza non è finita, ma dobbiamo tornare a sorridere e pensare positivamente. La prudenza è importante e bisognerebbe trovare il modo per aprire in sicurezza teatri, sale cinematografiche e ristoranti. Tutti noi, legati a questi settori, siamo in attesa di soluzioni da troppo tempo. È giunta l'ora di reagire e ripartire», afferma determinata Grimaldi, che ha prestato la sua voce alla dolce Nina e, da sempre impegnata nel sociale, ha accolto entusiasta e divertita l'iniziativa. Con lei Vecchi, doppiatore del romantico cucciolo Golia. «Le persone stanno dimenticando cosa vuol dire andare al cinema e a teatro. Mi auguro che non sia un processo irreversibile e che, quando gli splendidi luoghi di culto e fruizione riapriranno, ci sarà la voglia di tornarci e si tratterà in qualche maniera di una riscoperta, di un nuovo innamoramento», sottolinea l'autore, fotografo e attore di recente protagonista della pellicola “Nel bagno delle donne” che, opera prima di Marco Castaldi, il prossimo marzo andrà in onda su Sky. Sul web l’obiettivo del breve progetto filmico è regalare un “sorriso velatamente amaro” agli spettatori con ironia e leggerezza, caratteristiche del creativo pizzaiolo Frontoni che, già durante il lockdown primaverile, mediante mirate attività artistiche ha preferito alle manifestazioni in piazza l’assembramento di idee geniali grazie alla sua “protesta silenziosa”, virtuale e virale, per il fermo imposto a causa del Covid-19.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA