Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morta Robyn Griggs, l'attrice di "Destini" aveva 49 anni: stroncata dal tumore dopo una lunga battaglia

L'attrice ha lottato negli ultimi due anni contro un tumore al collo dell'utero e ha parlato apertamente dei suoi problemi di salute sui social media

Morta Robyn Griggs, l'attrice di "Destini" aveva 49 anni: stroncata dal tumore dopo una lunga lotta
3 Minuti di Lettura
Domenica 14 Agosto 2022, 10:37

È morta a soli 49 anni l'attrice statunitense Robyn Griggs, nota al grande pubblico per i suoi ruoli nelle soap opera «Una vita da vivere» e «Destini». La scomparsa è stata annunciata sabato 13 agosto sulla sua pagina Facebook. L'attrice ha lottato negli ultimi due anni contro un tumore al collo dell'utero e ha parlato apertamente dei suoi problemi di salute sui social media; il mese scorso Griggs aveva scritto che le erano stati diagnosticati quattro nuovi tumori.

 

Chi era Robyn Griggs

Robyn Griggs ha debuttato come Stephanie Hobart in «Una vita da vivere» nell'aprile 1991 ed è apparsa nella soap fino al 1992. Tra il 1993 e il '95 ha vestito i panni di Maggie Cory in «Destini». Nata il 30 aprile 1973 a Tunkhannock, in Pennsylvania, Griggs ha iniziato a recitare in produzioni teatrali per bambini prima di apparire in «Rated K» sulla rete tv Nickelodeon, un programma andato in onda dal 1986 al 1988 in cui i giovani recensivano i film. Dopo i ruoli nelle soap, Griggs ha recitato in film di genere come «Severe Injuries» (2003), «Dead Clowns» (2004), «The Absence of Light» (2006) e «Hellweek» (2010).

 

La lunga battaglia con il tumore

Nel 2020 alla Griggs era stato diagnosticato un cancro endocervicale all'adeno al quarto stadio e, secondo quanto riportato sulla sua pagina Facebook, era entrata in terapia in un hospice pochi giorni prima della sua morte. «Amo ridere - è il mio modo di affrontare la malattia, e quindi mi sono assicurata di trovare qualcosa di divertente a cui pensare», ha detto in un'intervista dello scorso anno sulla lotta contro il cancro durante la pandemia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA