Sir Richard Branson si schianta a tutta velocità con la bici: il 71enne miliardario travolge un amico e rischia di restare paralizzato Video

Sir Richard Branson a terra mentre riceve i primi soccorsi
di Paolo Ricci Bitti
4 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Novembre 2021, 04:00 - Ultimo aggiornamento: 23:27

«Non so come, ma sono ancora vivo e non sono nemmeno paralizzato come temevo dopo avere sbattuto con la schiena sull'asfalto a una velocità terribile: ho bernoccoli, abrasioni e contusioni su tutto il corpo, ma poteva davvero andare peggio» ha detto un acciaccatissimo Sir Richard Branson, 71 anni, dall'ospedale “Gorda” delle Isole Vergini Britanniche, il paradiso caraibico dove il miliardario inglese ama svernare.

La bici, in verità, non dovrebbe rappresentare il mezzo più pericoloso per un tipo come il baronetto che l'11 luglio è diventato il primo viaggiatore della nuova era del turismo spaziale volando a 4mila chilometri orari fino a 85 chilometri di quota con lo spazioplano della sua Virgin Galactic, una delle millanta compagnie della galassia Virgin che - appunto - spazia dalle palestre ai treni, dai dischi agli aerei di linea. Una passeggiata, quel volo suborbitale, per chi come Branson ama correre con auto, moto, barche a motore e a vela e palloni aerostatici con i quali ha tentato di battere e spesso battuto record di traversate in ogni angolo del mondo, in particolare sull'Atlantico. Azzeccata la sintesi con cui si presenta su Twitter: "Avventuriero, filantropo e piantagrane, che ama trasformare le idee in realtà. Astronauta 001, noto anche come il dottor Sì alla Virgin".

A differenza di quasi tutti i tycoon, Branson, insomma, non teme di lasciare troppo in anticipo agli eredi il patrimonio personale di almeno 6 miliardi di dollari e ogni volta che può si getta  a capofitto in tutte le impresa, meglio ancora se con finalità filantropiche come le gare Strive BVI che si propongono, con successo, di raccogliere fondi per l'educazione delle giovani generazioni. Gare che prevedono nuoto, kayak, arrampicate, corse e anche percorsi in bicicletta. 

Come ha raccontato l'amico Felix Stellmaszek «Richard è stato molto gentile ed educato ad avvisarmi, urlando, che stava per investirmi perché i freni della sua bici si erano rotti. E così è stato. Siamo rovinati sull'asfalto in fondo a una discesa molto pericolosa, lui poi, non potendo rallentare, aveva preso una velocità folle».

«Il caschetto, senza alcun dubbio, ci ha salvato la vita, ma ho temuto prima di morire e poi di essermi rotto la schiena» ha poi spiegato Branson mentre veniva portato in ospedale. Forse il miliardario non parteciperà alle gare dei prossimi giorni, ma di certo si ripresenterà a quelle del 2022.     

Paolo Ricci Bitti

Ematomi e bitorzoli su Richard Branson dopo la caduta in bici (dal sito Virgin.com)

Branson dopo un altro incidente in bicicletta nel 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA