Putin «è malato», dalle mani sul tavolo al picchiettio del piede: i nuovi indizi nel video con Shoigu

La preoccupazione di una sua possibile malattia è accolta e rilanciata dal politologo americano Ian Bremmer

«Putin è malato», dalle mani sul tavolo al picchiettio del piede: i nuovi indizi nel video con Shoigu
3 Minuti di Lettura
Venerdì 22 Aprile 2022, 14:25 - Ultimo aggiornamento: 29 Aprile, 14:15

«Vladimir Putin è malato». Dopo la diffusione del video che mostra il capo del Cremlino durante un incontro con il suo ministro della Difesa Sergej Shoigu, si riaccendono le voci sulle condizioni di salute dello zar. La preoccupazione di una sua possibile malattia è accolta e rilanciata dal politologo americano Ian Bremmer, che nota nel filmato un atteggiamento piuttosto inquietante da parte di Putin. Non solo la diffidenza dello zar rispetto alla vicinanza con Shoigu, probabilmente dovuta alla paura del Covid o di altri possibili contagi («è un germofono» aveva detto la cremlinologa Fiona Hill), ma la postura, la posizione delle mani, il gonfiore del volto sarebbero tutti indizi di una grave malattia che, oramai da tempo, potrebbe affliggere Putin. 

Putin, la "distrazione" di Mariupol per conquistare Donbass e sud dell'Ucraina: così lo zar vuole creare il corridoio per la Crimea

Putin malato, gli indizi

Rattrappito, accasciato sulla poltrona come a mantenere le distanze e schiacciato dalla fatica, le mani del capo del Cremlino non sembrano posate in modo normale sulla superficie del tavolo, ma afferrano entrambi i lati. Putin cerca di allontanarsi? Oppure prova a mantenere un contegno e a mascherare un malessere? Non sono solo gli indizi "fisici" a preoccupare Bremmer. Anche le frasi pronunciate dallo zar sono asciutte, brevi, accompagnate da uno sguardo che non incrocia quasi mai il volto dell'interlocutore. Nell’atto di sedersi prima del colloquio, appare anche impacciato nei movimenti, con la parte sinistra del corpo decisamente più statica rispetto al resto. Si appoggia al tavolo diverse volte, cercando la posizione corretta per la sedia e per distendere le gambe, che invece sono rigide sotto al tavolo. In passato si era parlato anche del morbo di Parkinson: in particolare più volte è stato notato il viso gonfio e la “gunslinger gait”, traducibile come “camminata da pistolero”. 

 

La stessa Hill, che fu direttrice per l’Europa e la Russia nel Consiglio per la sicurezza nazionale dell’amministrazione Trump, consigliera nelle amministrazioni di George W.Bush e di Barack Obama, e che con Putin aveva avuto più di un incontro era stata categorica: «Non ha un bell'aspetto, ha la faccia piuttosto gonfia. Sappiamo che si è lamentato di avere problemi alla schiena. Potrebbe essere che stia assumendo alte dosi di steroidi, o potrebbe esserci qualcos'altro. Potrebbe avere la sensazione che il tempo stia finendo».

di Alessandro Strabioli

© RIPRODUZIONE RISERVATA