Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pirlo beffato dal miliardario russo: versa la caparra ma non avrà la villa a Forte dei Marmi

A Forte dei Marmi l'ex allenatore della Juve aveva deciso di acquistare un complesso che è stato sequestrato

Pirlo beffato dal miliardario russo: versa la caparra ma non avrà la villa a Forte dei Marmi
di Federica Zaniboni
4 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 22:59 - Ultimo aggiornamento: 1 Luglio, 16:20

La caparra da mezzo milione era già stata versata ed entro la fine dell’estate si sarebbero concluse le trattative. L’ex allenatore della Juventus Andrea Pirlo avrebbe finalmente avuto tra le mani le chiavi della meravigliosa villa a Forte dei Marmi, proprio quella che desiderava da mesi. Un sogno ormai quasi diventato realtà, ma che all’improvviso è stato amaramente infranto. Almeno per il momento. Sì, perché quando il Tribunale civile di Lucca ha disposto il sequestro della proprietà, il campione del mondo del 2006 - adesso allenatore in Turchia - non ha potuto fare altro che arrendersi. Ciò che Pirlo non poteva sapere è che il proprietario dell’abitazione, un oligarca russo, considerato tra l’altro molto vicino a Putin, è rimasto coinvolto tempo fa in una causa legale con l’agenzia immobiliare tramite la quale aveva precedentemente acquistato la proprietà. 

Il pasticcio

La villa della località versiliese, tanto ambita dall’ex calciatore, fa parte di un complesso residenziale formato da due abitazioni di lusso collegate fra loro. E sebbene non fosse stato ancora definito nulla, l’atleta bresciano aveva fatto in modo di assicurarsi la possibilità di acquistare, più avanti, anche la seconda. Della prima, invece, si era innamorato già alcuni mesi fa, non appena era stata messa sul mercato. Lo scorso 30 maggio aveva versato 500 mila euro di caparra e si era impegnato a saldare il conto (2,6 milioni di euro) entro il 31 agosto. Soltanto allora l’abitazione dei sogni, in uno dei luoghi più amati per le vacanze italiane, sarebbe stata definitivamente sua. Successivamente, poi, avrebbe potuto considerare l’opzione di ottenere anche l’altra. L’intero complesso immobiliare era stato comprato dal magnate russo nel 2020, dopo due anni di osservazione e trattative. Un periodo nel quale, tramite l’agenzia di Forte dei Marmi alla quale si era affidato - specializzata nella compravendita di abitazioni di lusso - era tornato a visitarla almeno tre o quattro volte. Infine, sborsando la somma totale di 7,2 milioni, era diventato il proprietario di tutte e due le prestigiose ville.

La causa

Da qui, però, nascono anche i problemi legali che hanno finito per allontanare Pirlo dalla sua villa dei sogni. Secondo quanto ricostruito dall’avvocato Tommaso Bertuccelli, che assiste l’agenzia immobiliare, l’oligarca infatti non avrebbe mai riconosciuto il servizio di mediazione alla stessa agenzia, una cifra che corrispondeva a circa 250 mila euro. Il legale, quindi, aveva iniziato una causa civile contro di lui e il braccio di ferro legale risulta tuttora in corso. Con l’inizio del conflitto tra Russia e Ucraina e le sanzioni dell’Unione Europea contro gli oligarchi, l’imprenditore avrebbe deciso di vendere tutto. Liberarsi dei beni prima di incappare nel sequestro. Per questo la villa torna disponibile, Pirlo si innamora del complesso e avvia in fretta le trattative per accaparrarselo. Ma quando gli agenti immobiliari in causa con l’attuale proprietario sono venuti a conoscenza del fatto che le ville erano state messe in vendita, hanno preso la decisione di tutelarsi. Se il 31 agosto la compravendita si fosse conclusa, l’agenzia sarebbe stata impossibilitata a riscuotere il credito anche nel caso in cui avesse vinto la causa. Così l’avvocato Bertuccelli ha chiesto il sequestro conservativo degli immobili, e mercoledì scorso il giudice del Tribunale civile di Lucca, Michele Fornaciari, lo ha disposto. Entrambe ville sono state sequestrate e l’affare della villa ambita dall’ex allenatore della Juventus si è bruscamente arrestata. Certo, resta aperta la possibilità di acquistarla in futuro, una volta che la situazione si sarà sbloccata. Ma per il momento l‘affare è saltato e se Andrea Pirlo resterà dell’idea di diventare proprietario dell’abitazione potrebbe dover aspettare ancora diverso tempo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA