CORONAVIRUS

Pesce d'Aprile bandito, in Germania vietato scherzare sul Coronavirus: in Thailandia c'è l'arresto

Mercoledì 1 Aprile 2020

Sarà un primo di aprile molto meno allegro del solito. E quest'anno molti paesi invitano a non inventare pesci d'aprile sul Coronavirus. «Storie inventate e scherzi d’aprile sul tema Coronavirus possono portare insicurezza ed essere usati per diffondere informazioni false». Questo l’appello del ministero della Salute in Germania, scritto sul suo account twitter. Un invito per la cittadinanza ad evitare di mandare “pesce d’aprile” sul tema coronavirus per non diffondere fake-news, pericolose soprattutto in un momento così delicato. 

Coronavirus, tolti i cartelli stradali per Nerola, monta la protesta ma è per ragioni di pubblica sicurezza

Coronavirus, Viminale: regole non cambiano, con figli solo spostamenti necessari

In alcuni Paesi poi il pesce d'aprile è stato addirittura messo al bando. In Thailandia, per esempio, il governo ha fatto sapere via Twitter che gli scherzi tradizionali saranno punibili con pene fino ai cinque anni di carcere. Per i trasgressori sono previste anche multe di oltre tremila euro, ai sensi delle misure adottate per contenere i contagi da coronavirus. «È contro la legge far finta di avere il Covid-19 in questo Pesce di Aprile - fa sapere il governo - Nel mondo la gente sta soffrendo per il Covid19 e questo è il motivo per cui le persone devono essere più responsabili e non usarlo come pretesto per fare scherzi. 
 

 

Ultimo aggiornamento: 13:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani