CORONAVIRUS

Matilde Brandi, morto il papà: «Sei stato un guerriero». La showgirl in isolamento per il coronavirus

Giovedì 9 Aprile 2020
Matilde Brandi, morto il papà: «Sei stato un guerriero». La showgirl in isolamento per il coronavirus

Matilde Brandi, morto il padre Pietro. Lo ha comunicato proprio la showgirl attraverso il suo profilo Instagram: ​«Hai lottato come un guerriero, senza mai mollare», scrive. Le parole sono dedicate al padre Pietro Brandi, morto ieri dopo una lunga battaglia. Matilde Brandi su Instagram ha scritto un lungo post per accompagnare una fotografia che la vede sorridenteaccanto al papà. Un dolore grande, che a causa dell'solamento per il coronavirus è costretta a vivere in solitudine. Senza il conforto che viene dalla vicinanza delle persone più care. 

Coronavirus, muore Mimmo Grosso: la marineria perde l'uomo di mille battaglie

GfVip, Paola Di Benedetto vince e il fidanzato Federico Rossi esulta così su Twitter: «Sei la persona che amo»

Ma Matilde Brandi riesce a vedere anche un altro lato della medaglia: «dentro di noi, per quanto affaticati e fragili le cose non cambiano, sono intatte; c'è vita, c'è relazione, ci sono pensieri, sentimenti, desideri, bisogni, ci sono a sostegno ricordi di abbracci e sorrisi, ci sono slanci, c'è intensità, c'è memoria, c'è verità del cuore». Ecco il testo integrale del post di addio a Pietro Brandi, scritto da Matilde con l'aiuto della cognata. 

Gf Vip, Adriana Volpe e la pace con Magalli: «Non mi ha fatto neanche le condoglianze»

«Un anno fa te ne andavi tu mamma e ora anno dopo in punta di piedi senza far rumore anche tu Babbo mio hai deciso di raggiungere la mamma!
Sei stato un guerriero e con lucidità sei arrivato alle tue ultime ore con grande dignità senza mai farci capire che stavi soffrendo non solo per il dolore fisico ma per il dolore di dover lasciare i tuoi figli che vedevi distrutti dal dolore! Hai lottato come un guerriero senza mai mollare fin quando le forze non c'è l'hanno fatta più!
Mi mancherà tutto di te babbo! I nostri pranzi tutti i giorni insieme con salsiccia sulla brace anche a 40 gradi d'estate e piadina che preparavi tu da buon romagnolo!
L'aspetto più atroce di questo periodo è che tra le libertà che abbiamo perduto c'è anche quella di condividere, nelle forme che da sempre ci appartengono, il dolore per la morte di un genitore o di un congiunto ! E' una perdita seria, un dolore dentro il dolore, qualcosa che scuote le radici delle persone. E' una privazione che seppur necessaria rasenta il disumano e che passa troppo inosservata per non apparire senza pietà. Rimane la possibilità di soffrire il dolore in forma privata attraverso piccoli gesti che tentano di sostituirsi a forme rituali impraticabili ed è qualcosa che sorprendentemente fa uscire dalla cappa della rassegnazione e silenzio, perché attraverso la capacità di soffrire si scopre che dentro di noi, per quanto affaticati e fragili le cose non cambiano, sono intatte; c'è vita, c'è relazione, ci sono pensieri, sentimenti, desideri, bisogni, ci sono a sostegno ricordi di abbracci e sorrisi, ci sono slanci, c'è intensità, c'è memoria, c'è verità del cuore. E anche se non è possibile accompagnarsi per mano, almeno lì, in fondo al cuore nessuno verrà a porre confini e mettere distanze. Hai lottato come un guerriero per tutta la vita e anche alla fine dei tuoi giorni non hai mai mollato sempre con dignità e rispetto per non farci soffrire perché sapevi che ti era rimasto poco! Che DIGNITÀ signor PIETRO BRANDI che RISPETTO che EDUCAZIONE ! Vola accanto a mamma adesso❤️Tua figlia matilde 🙏 Grazie a mia cognata paola che ha scritto una parte di questo meraviglioso messaggio d'amore!».

Essere neonati ai tempi della pandemia: mascherine protettive a forma di corona

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un anno fa te ne andavi tu mamma e ora anno dopo in punta di piedi senza far rumore anche tu Babbo mio hai deciso di raggiungere la mamma! Sei stato un guerriero e con lucidità sei arrivato alle tue ultime ore con grande dignità senza mai farci capire che stavi soffrendo non solo per il dolore fisico ma per il dolore di dover lasciare i tuoi figli che vedevi distrutti dal dolore! Hai lottato come un guerriero senza mai mollare fin quando le forze non c'è l'hanno fatta più! Mi mancherà tutto di te babbo! I nostri pranzi tutti i giorni insieme con salsiccia sulla brace anche a 40 gradi d'estate e piadina che preparavi tu da buon romagnolo! L'aspetto più atroce di questo periodo è che tra le libertà che abbiamo perduto c'è anche quella di condividere, nelle forme che da sempre ci appartengono, il dolore per la morte di un genitore o di un congiunto ! E' una perdita seria, un dolore dentro il dolore, qualcosa che scuote le radici delle persone. E' una privazione che seppur necessaria rasenta il disumano e che passa troppo inosservata per non apparire senza pietà. Rimane la possibilità di soffrire il dolore in forma privata attraverso piccoli gesti che tentano di sostituirsi a forme rituali impraticabili ed è qualcosa che sorprendentemente fa uscire dalla cappa della rassegnazione e silenzio, perché attraverso la capacità di soffrire si scopre che dentro di noi, per quanto affaticati e fragili le cose non cambiano, sono intatte; c'è vita, c'è relazione, ci sono pensieri, sentimenti, desideri, bisogni, ci sono a sostegno ricordi di abbracci e sorrisi, ci sono slanci, c'è intensità, c'è memoria, c'è verità del cuore. E anche se non è possibile accompagnarsi per mano, almeno lì, in fondo al cuore nessuno verrà a porre confini e mettere distanze. Hai lottato come un guerriero per tutta la vita e anche alla fine dei tuoi giorni non hai mai mollato sempre con dignità e rispetto per non farci soffrire perché sapevi che ti era rimasto poco! Che DIGNITÀ signor PIETRO BRANDI che RISPETTO che EDUCAZIONE ! Vola accanto a mamma adesso❤️Tua figlia matilde 🙏 Grazie a mia cognata paola che ha scritto una parte di questo meraviglioso messaggio d'amore!

Un post condiviso da Matilde Brandi (@matildebrandireal) in data:

Ultimo aggiornamento: 16:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani