Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nazifa Noor Ahmad è morta a 20 anni: da profuga per motivi di salute a volontaria della Croce Rossa premiata da Mattarella

Nazifa Noor Ahmad è morta a 20 anni: da profuga per motiva di salute a volontaria della Croce Rossa premiata da Mattarella
2 Minuti di Lettura
Domenica 19 Giugno 2022, 19:51 - Ultimo aggiornamento: 21 Giugno, 09:33

Nazifa Noor Ahmad aveva 20 anni e negli ultimi quattro aveva assistito tanti malati come lei. La giovane afghana non ha superato il trapianto di polmoni cui era stata sottoposta a Padova sabato scorso. Nel corso degli anni, la ventenne - giunta a Bagnacavallo, in Romagna - aveva dovuto sostenere cure complesse, ed era stata ricoverata diverse volte al reparto di onco-ematologia pediatrica dell'ospedale Sant'Orsola di Bologna. 

Di recente il ricovero a Padova per un intervento ai polmoni, dopo le cure cicliche cui era costretta. Nazifa, che avrebbe dovuto sostenere l'esame di maturità posticipato a settembre, al liceo scientifico di Lugo, era stata accompagnata dalla mamma e una delle sorelle adottive, al suo fianco sempre come il babbo adottivo, Roberto Faccani, da cui aveva tratto la passione per il volontariato, svolto nelle fila della Croce Rossa lavorando anche come interprete nei Centri di accoglienza per migranti.

Un impegno che le era valsa l'onorificenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. «E' un momento molto difficile e noi della famiglia facciamo fatica a parlare ed esprimere ciò che proviamo per questa grave perdita - ha raccontato lo stesso Faccani nei giorni scorsi a "il Resto del Carlino" di Ravenna -: Nazifa è con noi da 14 anni ed io e la mia famiglia l'abbiamo seguita in ogni suo passo, sia per la cura della malattia, sia per l'inserimento nella vita sociale. Si sentiva perfettamente italiana, romagnola e bagnacavallese tanto che a sette anni ha imparato la nostra lingua in soli quattro mesi. Era legata a tutti e amata da tutti. Gli amici e i compagni di scuola sono increduli di quanto accaduto e negli ultimi mesi l'hanno sempre seguita e sostenuta. Ha dato alla collettività il meglio di se e resterà nei ricordi di molti».

Il presidente nazionale della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca: «Non ci sono parole adeguate per la scomparsa della nostra Nazifa - ha detto al 'Carlinò - ogni commento sembra superfluo. Ma non è così, perché la sua breve vita ha avuto un valore immenso: è stata veicolo di speranza e voglia di dedicarsi agli altri per restituire quanto ricevuto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA