Morto Raffaello Monteverde, produttore romano di serie tv, da Incantesimo a Elisa di Rivombrosa e Rex

Morto Raffaello Monteverde, produttore romano di serie tv, da Incantesimo a Elisa di Rivombrosa e Rex
2 Minuti di Lettura

Aveva prodotto molte serie tv degli anni Ottanta, Raffaello Monteverde, morto oggi a Roma nella sua abitazione, assistito dalla moglie Cristiana Zucchiatti, presidente del premio Afrodite. Tra le sue produzioni, “Elisa di Rivombrosa” e la versione italiana del “Commissario Rex”. Era nato a Roma il 16 aprile del 1942, aveva da poco compiuto 79 anni.  

Monteverde inizia a lavorare all'Onda Telerama di suo fratello Geo Tapparelli come segretario di produzione sul set dei Caroselli per poi fondare più tardi la Solaris Film con Adriano Ariè. Inizia così l'avventura della produzione di sceneggiati per la Rai, che lo portano al successo con “Diario di un giudice” di Marcello Baldi con Sergio Fantoni e Ilaria Occhini. 

Ma la sua passione tocca anche il teatro dove tra l'altro produce “Affabulazione” di Pier Paolo Pasolini, scritto e interpretato da Vittorio Gassman, “Anonimo veneziano”, con la sceneggiatura di Giuseppe Berto con Lorenza Guerrieri e Ugo Pagliai, e “La commedia degli errori”, con Andrea Giordana e Mita Medici. 

La regista Torrini: «Da giovane venni picchiata da un ragazzo»

Alla fine degli anni novanta produce vari film per la TV in coproduzione con gli Stati Uniti poi nel 2000 con Guido e Maurizio De Angelis produce “Incantesimo” ed “Elisa di Rivombrosa” di Cinzia TH Torrini. E la stessa Cinzia Th Torrini oggi lo ricorda così: «Insieme abbiamo realizzato la serie che ancora adesso è nei cuori di milioni di spettatori di più generazioni e ha fatto sognare sia donne sia uomini in Italia e all'estero: Elisa di Rivombrosa. Fu lui nel 2001 a propormi la regia della prima lunga serie in costume mai realizzata. Un uomo generoso, di talento come lo sono i grandi produttori che sanno vedere lontano. In lui ho trovato oltre all'amicizia, un esempio di grande umanità unita al coraggio e all'instancabile passione per questo mestiere! Grazie per tutto, Lello».

Sabato 24 Aprile 2021, 21:06 - Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 07:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA