Morto Lil Loaded, il rapper americano suicida a 20 anni: «Si è tolto la vita per una delusione d'amore»

Morto il rapper americano Lil Loaded
3 Minuti di Lettura
Martedì 1 Giugno 2021, 15:01 - Ultimo aggiornamento: 15:34

Il rapper americano Dashawn Robertson, in arte Lil Loaded, è morto a soli 20 anni. La causa della morte, stando a quanto comunicato dal suo legale, Ashkan Mehryari, in una mail inviata a Billboard, sarebbe suicidio. Il cantante aveva raggiunto la popolarità nel 2019 grazie alla canzone "6locc 6a6y", brano che solo una settimana fa era stato certificato oro dalla RIAA (Recording Industry Association of America). Una certificazione festeggiata dallo stesso rapper sul suo ultimo post di Instagram. 

Lil Loaded era nei guai con la legge. A febbraio 2021 era stato accusato di omicidio colposo per la sparatoria e uccisione di un suo amico di 18 anni Khalil Walker avvenuta nell'ottobre del 2020. Per questo era stato chiamato a comparire in tribunale il 1° giugno. Prima di ciò  Lil era scappato in Florida con un mandato di arresto che pendeva sulla sua testa. Dopo una detenzione nella struttura di Suzanne Lee Kays era tornato in libertà con il pagamento della cauzione. Gli agenti stanno ora indagando sulla dinamica della sua morte anche se per alcuni, dietro al suicidio, ci sarebbe proprio il suo trascorso giudiziario. Uno dei suoi parenti invece avrebbe evocato come causa la storia d'amore nella quale il ragazzo era coinvolto.

LA BIOGRAFIA - Nato in California e cresciuto a Dallas, il giovane rapper era cresciuto ascoltando Michale Jackson, come tantissimi artisti del mondo rap: «È stato lui, per quanto mi riguarda, a cominciare tutto ciò che chiamiamo rap, è ciò da cui tutto è cominciato per me», aveva detto in un'intervista a XXL. Ma tra le sue ispirazioni c'erano anche rapper puri come Lil Wayne, Chief Keef, Snoop Dogg, Rich Homie Quan e Tupac. Ad oggi il suo più grande successo era proprio "6locc 6a6y" che ha quasi 30 milioni di visualizzazioni su Youtube. Una delle sue ultime pubblicazioni risale al 2020 ed è la canzone "Hard Times" con il featuring di Hotboii.

© RIPRODUZIONE RISERVATA