Miku Kojima, la nuotatrice diventata pornostar: «Mi guardavano in costume da bagno sui siti hot, così ho deciso di provare»

Aveva conquistato medaglie nelle Olimpiadi giovanili, poi ha cambiato vita. Il suo primo film è uscito a febbraio

Miku Kojima, la nuotatrice diventata pornostar: «Mi guardavano in costume da bagno sui siti hot, così ho deciso di provare»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 11 Maggio 2022, 13:06 - Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 12:52

Dal sogno Olimpiadi di Tokyo al porno. Miku Kojima, ex astro nascente del nuoto giapponese, ha deciso di cambiare la sua vita. Dopo aver vinto due bronzi olimpici e due ori mondiali a livello juniores, ha deciso di "uscire dalla vasca". Così prima si è scritta all'università. Poi è arrivata la vera svolta della sua vita, quando ha deciso di darsi a tempo pieno al cinema per adulti. Miku ha cambiato nome, scegliendo lo pseudonimo Saki Shinkai. Il suo primo film è uscito lo scorso febbraio.

L'"Avvocato del Diavolo" di Ilona si “dichiara”: «Hai vinto per il diritto alla libertà delle donne contro i pregiudizi». (Quasi) bacio in diretta?

Arisa e Rocco Siffredi insieme su Instagram (dopo la proposta hot dell'attore). Fan in delirio: «Un sogno che si avvera»

Dal nuoto al porno

La prima esperienza nel mondo dell'osé era stata una set fotografico sulla rivista «Shūkan Post», un settimanale destinato al grande pubblico che affianca temi politici all’intrattenimento. «Quanto ho pubblicato i miei nudi – ha detto – ci sono stati commenti negativi e speculazioni. Alcuni si sono domandati perché avessi realizzato quelle fotografie, altri mi accusavano di voler entrare nel mondo della pornografia. Avevo parlato di me stessa in quel servizio, ma c'era una leggera discrepanza tra quello che la gente voleva vedere e quello che io volevo mostrare. Quello che vogliono è vedermi in costume da bagno», le parole dell'ex nuotatrice.

«Ho iniziato a guardarmi in giro e ho scoperto che un mio contatto sui social network era attivo nel settore dei video per adulti - ha raccontato -. Così mi sono incuriosita e ne ho guardati parecchi: all’inizio avevo una sensazione negativa, ma i lavori di Sod (società che ha distribuito il suo primo film, ndr) sono molto interessanti. Si stratta di una professione necessaria e ho deciso di provare», ha detto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA