Meghan Markle, il padre Thomas dopo l'ictus: «Non so se tornerò a parlare»

Dopo cinque giorni in ospedale torna a casa Thomas Markle e ringrazia i medici e manda un messaggio alla regina. «Volevo venire a rendere omaggio alla regina. Le auguro un felice Giubileo e molti altri anni»

Meghan Markle, il padre Thomas è uscito dall'ospedale dopo l'ictus: «La mia battaglia per tornare a parlare»
4 Minuti di Lettura
Domenica 29 Maggio 2022, 10:31 - Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 07:48

È uscito dall'ospedale Thomas Markle, il padre di Meghan. «Sono estremamente grato e so quanto sono fortunato ad essere vivo. Voglio ringraziare tutti, in particolare i meravigliosi medici e infermieri che mi hanno salvato la vita. Sono angeli». Dopo 5 giorni dall'inctus che l'ha colpito il padre della duchessa di Sussex è tornato a casa e ha voglia di ringraziare tutti per la vicinanza e mandare un augurio alla Regina. «Sono stato profondamente commosso dai messaggi amorevoli che ho ricevuto da tutto il mondo. Le persone sono state così gentili».

Meghan Markle, il padre la accusa: «Ho il diritto di vedere i miei nipoti Archie e Lilibet»

Thomas Markle è uscito dall'ospedale dopo l'inctus

Non si è ancora ripreso del tutto l'ex direttore delle luci di Hollywood che spiega anche come sta andando il decorso post ricovero. 

«Non posso parlare in questo momento, ma sto lavorando sodo e ringrazierò adeguatamente le persone quando posso». Non riesce ancora a parlare ma ci sta lavorando con un logopedista il padre di Meghan Markle, l'uomo qualche giorno prima dell'ictus era caduto a terra. Thomas, che si stava preparando a celebrare le celebrazioni del Queen's Platinum Jubilee nel Regno Unito, ha detto al suo amico Tom Bower di essere «caduto» ma «per fortuna, alcune brave persone mi hanno raccolto dal marciapiede», riporta il Sun.

Meghan Markle, la lettera al padre per proteggere Harry: «La sua famiglia lo rimprovera ma non capisce»

L'ictus e le cure

Il signor Markle aveva programmato di volare nel Regno Unito questa settimana per celebrare il Giubileo di platino del prossimo fine settimana, ma l'ictus di lunedì sera ha mandato all'aria il viaggio. Il messaggio per la Regina Elisabetta Thomas comunque lo ha voluto. «Volevo venire a rendere omaggio alla regina. Le auguro un felice Giubileo e molti altri anni». Il grave ictus è stato causato da un coagulo di sangue sul lato destro del cervello del signor Markle. È stato portato d'urgenza in un ospedale vicino alla sua casa a Rosarito, in Messico, prima di essere trasferito in ambulanza al confine con gli Stati Uniti, dove un'ambulanza lo stava aspettando per traghettarlo in un ospedale di San Diego, in California. È stato in un reparto di terapia intensiva per tutta la settimana e ora i medici affermano che ha fatto «progressi notevoli».

Meghan Markle, il fratello: «I soldi l'hanno cambiata. Ha scaricato l'ex marito, Harry sarà il prossimo»

I danni della malattia

Mentre ora è in grado di dire alcune parole, il signor Markle sta affrontando ora quella che chiama «una battaglia in salita» per riguadagnare il suo potere di parola.

«Ho un sacco di duro lavoro da fare e lo farò», ha scritto. «Voglio guarire. Sono così fortunato ad aver avuto cure e amore incredibili. Grazie a tutti»

I rapporti tra Meghan e suo padre continuano a essere tesi. Thomas non andò al matrimonio della figlia nel 2018 dopo aver avuto due attacchi di cuore qualche giorno prima delle nozze che lui ha ricollegato allo stress che in quel momento stava vivendo per le accuse arrivategli dalla figlia dopo che ha posato per un servizio fotografico per migliorare la sua immagine. 

Il padre di Meghan Markle ci ripensa: «Non ho mai visto i miei nipoti ma non porterò in tribunale mia figlia e Harry»

Le cure del figlio

Da allora si è allontanato da sua figlia e non ha mai incontrato il genero, il principe Harry, o i suoi nipoti Archie, Lilibet di tre e 11 mesi. Il signor Markle sarà assistito da suo figlio di 56 anni, Tom Jr. «Stavo visitando mio figlio e la sua famiglia in Oregon quando ho ricevuto la chiamata», ha detto Tom Jr. «Sarò qui per papà e farò tutto il necessario per aiutarlo nel suo percorso di guarigione. È stato uno shock terribile per tutti, ma papà è un uomo forte ed è determinato a guarire. Ha già iniziato a lavorare con un logopedista e sta facendo grandi progressi. Abbiamo ricevuto centinaia di messaggi di sostegno per lui da persone di tutto il mondo. Sarò qui per lui per tutto il tempo necessario»

© RIPRODUZIONE RISERVATA