Medico suicida dopo 200 ore di straordinari e tre mesi senza riposo, l'inchiesta: «Immense pressioni sugli operatori»

Il caso in Giappone, ma l'ospedale nega le accuse di aver sottoposto il sanitario a superlavoro

Medico suicida dopo 200 ore di straordinario e tre mesi senza riposo, l'inchiesta: «Immense pressioni sugli operatori»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Agosto 2023, 16:53

Le autorità ispettive del lavoro in Giappone hanno confermato che un medico di 26 anni è morto suicida un anno fa a causa dello stress dovuto al superlavoro, in particolare a oltre 200 ore di straordinari fatte in un mese. A rivelarlo sono stati i familiari del medico, Shingo Takashima, ripresi dalla Cnn.

Lavora per 20 anni senza un giorno di malattia (non pagata), l'azienda gli regala un pacco di caramelle, il web 400mila euro

Medico suicida per supelavoro

Secondo gli avvocati della famiglia, Takashima aveva fatto più di 207 ore di straordinario nel mese prima della sua morte e non si era preso un giorno libero durante tre mesi, come ha accertato l'organismo governativo di ispezione competente, che ha attribuito il suicidio del giovane medico alle condizioni di lavoro nell'ospedale dove lavorava nella città di Kobe, il Konan Medical Center, che tuttavia ha negato le accuse. «Non riconosciamo il fatto che gli abbiamo imposto carichi di lavoro eccessivi», ha detto Eisei Gu, capo del centro ospedaliero, citato da The Ashay Shimbun.

LA VERSIONE DELL'OSPEDALE

Secondo il nosocomio, Takashima aveva iniziato a lavorare come residente nell'aprile 2020 e dall'aprile 2022 lavorava come specialista, con l'obiettivo di diventare gastroenterologo.

Tuttavia l'indagine ispettiva ha stabilito che la sua morte era un infortunio sul lavoro indotto dal lungo orario lavorativo, evidenziando le immense pressioni esercitate sugli operatori sanitari.

Secondo il ministero della Salute, del Lavoro e del Welfare, il Giappone combatte da tempo una persistente cultura del superlavoro, con dipendenti di vari settori che denunciano orari punitivi, elevata pressione da parte dei supervisori e deferenza verso l'azienda. La famiglia di Takashima ha deciso di rendere noto il suo caso perché ci sia un cambiamento nel Paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA